Asm accende le luci a Retorbido e Bastida Pancarana

184

Dopo Voghera, anche Retorbido a Bastida Pancarana si apprestano a realizzare una rivoluzione totale dell’illuminazione pubblica, con la sostituzione di tutte le vecchie lampade e l’installazione di nuovi impianti a led. E così come è successo a Voghera, anche nei due centri oltrepadani sarà Asm Voghera Spa, attraverso il proprio Settore Energetico, ad occuparsi del restyling elettrico ed impiantistico dei due Comuni, con l’obiettivo di raggiungere un duplice risultato: adeguare da una parte tutti gli impianti di illuminazione pubblica rendendoli a norma e, dall’altra, consentire all’ente pubblico un notevole risparmio di costi. Oltre a questo, il progetto denominato “Smart City”, per quanto riguarda il rifacimento degli impianti di illuminazione, comporta anche un notevole miglioramento dell’inquinamento luminoso e della messa in sicurezza di tutti gli impianti. “Abbiamo deciso, come Amministrazione Comunale, di affidare al settore energetico di Asm Voghera Spa un progetto di riqualificazione energetica complessiva di tutto il nostro territorio comunale – afferma Isabella Cebrelli, Sindaco di Retorbido – Grazie a questo progetto sostituiremo 331 vecchie lampade con nuovi dispositivi a led che consentiranno, al nostro Comune, di realizzare ogni anno un notevole risparmio, coniugato al miglioramento del servizio di illuminazione”. “Il Comune di Bastida Pancarana ha aderito in modo convinto al progetto di riqualificazione energetica proposto da Asm – aggiunge Renata Martinotti, primo cittadino di Bastida Pancarana – Nel nostro Comune provvederemo alla sostituzione di 189 punti luce con nuovi impianti a led, che consentiranno di fornire alla popolazione un servizio più efficiente, insieme ad un risparmio economico per il nostro Comune e ad una diminuzione dell’inquinamento luminoso”. Molto soddisfatto di questo duplice progetto anche il Direttore Generale di Asm Voghera Spa, Maurizio Cuzzoli. “Tali interventi oltretutto consentono agli enti pubblici di ottemperare alle normative regionali ed europee. Per la nostra Asm, invece, prosegue l’obiettivo di diventare sempre più punto di riferimento per i Comuni soci e, in generale, per tutto il territorio oltrepadano come Azienda fornitrice di servizi”.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteBroni: la nuova amministrazione Riviezzi, tra conferme e novità
Articolo successivoVoghera: destinati 131mila euro di fondi statali per gli asili