BRONI “GLI INTERVENTI NON SI LIMITERANNO A PICCOLI RATTOPPI”

71

Al traguardo dei 100 giorni dal suo insediamento facciamo il punto della situazione con Antonio Riviezzi

Riviezzi, si avvicina il traguardo dei 100 giorni dal suo insediamento. Quali sono le priorit? su cui sta lavorando?

“Come promesso in campagna elettorale, nell’arco dei 5 anni, oltre a portare a termine le opere progettate ed iniziate nei due mandati dall’amministrazione Paroni, abbiamo intenzione di dedicarci con grande attenzione alle manutenzioni. Compatibilmente con le risorse a disposizione, vogliamo sistemare le infrastrutture pubbliche ed aree verdi che necessitano di interventi di sistemazione, iniziando da quelli più urgenti”.

Da quali interventi avete intenzione di iniziare?

“In questo mese partiremo con una serie di interventi di manutenzione dei marciapiedi e di asfaltatura in varie zone della citt? .

Nonostante i tagli dello Stato alle entrate comunali e la scarsit? di entrate derivanti dal mancato introito degli oneri di urbanizzazione dovuta alla crisi dell’edilizia, abbiamo stanziato 80.000 euro che, sommati ai 20.000 gi? spesi per le asfaltature realizzate nel mese di maggio, raggiungono la ragguardevole cifra di 100.000 euro interamente utilizzata per i lavori di sistemazione di strade e marciapiedi.

Nelle scorse settimane, con l’Assessore ai lavori pubblici Christian Troni e i tecnici comunali abbiamo effettuato una serie di sopralluoghi in tutta la citt? , frazioni comprese, per valutare lo stato di asfaltatura delle strade e stilare una lista di quelle che necessitano di sistemazione.

Gli interventi non si limiteranno a piccoli rattoppi, ma si proceder? al rifacimento di estese porzioni del manto stradale, specialmente dove è più sconnesso o presenta buche e crepe; a completamento dei lavori, ove necessario, verr? sistemata anche la relativa segnaletica orizzontale”

Quali saranno gli altri interventi manutentivi in programma?

“Sistemate le strade, ci dedicheremo alle aree verdi della citt? e al decoro dei cimiteri.

Per quanto riguarda i giardini pubblici e le aree verdi comunali, l’Assessore Bruno Comaschi effettuer? dei sopralluoghi periodici per verificare la loro situazione e pianificare gli interventi di manutenzione più urgenti, confidando nella collaborazione e nel senso civico di tutti i cittadini.? ?

Per quanto riguarda il cimitero, insieme all’Assessore ai lavori Pubblici stiamo verificando la situazione e il contratto in essere per vedere come apportare migliorie alla gestione del servizio modificando in Consiglio comunale il regolamento cimiteriale

Inoltre, come gi? fatto per le strade, stiamo monitorando costantemente la situazione sia di quello centrale che di quello di Cassino per controllarne lo stato e stilare una lista interventi di manutenzione a cui metteremo mano una volta sistemato il regolamento.

Anche per quanto la cura e il decoro della citt? , è mia intenzione adottare un modus operandi incentrato su un rapporto più stretto tra ente, territorio e cittadini.

Periodicamente, i tecnici del Comune effettueranno dei controlli nei vari quartieri e nelle varie frazioni per riscontrare il contenuto delle segnalazioni giunte in Comune e contestualmente per verificare lo stato delle infrastrutture pubbliche ed individuare quelle che necessitano di intervento.

Sulla base di questa attivit? , verr? stilata una lista di attivit? da effettuare in ordine di priorit? . A seconda dei fondi a disposizione, procederemo alla loro graduale sistemazione iniziando dagli interventi più urgenti.

In ogni caso, anche alle segnalazioni riguardanti gli interventi meno prioritari che non potranno essere realizzati in tempi brevi per motivi di natura economica, verr? data risposta ai cittadini tenendoli aggiornati sui tempi della loro futura realizzazione”.

Quali le altre novit? che riguardano la citt? ?

“Nei giorni scorsi sono partiti i lavori del secondo e terzo lotto della nuova scuola Paolo Baffi, che dovrebbero terminare in 650 giorni.

Il nuovo plesso scolastico di via De Gasperi verr? completato con una nuova palestra con campo regolamentare di basket, che, al di fuori degli orari scolastici, sar? a disposizione delle societ? sportive di Broni; dieci nuove aule, una sala audiovisivi, una nuova biblioteca e tre laboratori, così da permettere il trasferimento nel nuovo polo di via De Gasperi anche degli alunni delle elementari di via Emilia, la cui struttura risale al 1880.

Entrambi i lotti, che costeranno 3.967.818 milioni di euro, sono interamente finanziati con contributo del Ministero delle Infrastrutture.

Si tratta di un’altra, importante tappa importante nel percorso di rilancio della citt? , perché rappresenta un investimento per le nuove giovani generazioni, che sono il nostro futuro e costituiscono uno dei beni più preziosi della nostra societ? .

Una volta completate le nuove aule, infatti, anche i bambini del plesso di via Emilia potranno trasferirsi in aule moderne, sicure, antisismiche e costruite con materiali rispettosi dell’ambiente

In secondo luogo, il polo di via De Gasperi rappresenter? un’opportunit? per avvicinare i giovani allo sport e alla vita sana, in quanto la nuova palestra che sorger? sar? a disposizione anche delle associazioni sportive della Citt? “.

A proposito di scuole, visto l’approssimarsi della partenza dell’anno scolastico, sono previsti altri interventi?

“Riguardo alla nuova scuola elementare Paolo Baffi, entro l’inizio dell’anno scolastico saranno completati anche i piccoli lavori di manutenzione ordinaria richiesti dalla Dirigenza scolastica.

Per quanto il plesso elementare di via Emilia, è in programma un importante intervento di manutenzione straordinaria del valore di circa 350.000 euro, interamente finanziato con fondi ministeriali”.

I rapporti con l’amministrazione comunale di Stradella sono stati in qualche caso “divergenti”. Come sta procedendo il rapporto di “buon vicinato” con il suo collega stradellino Maggi e quali sono a suo giudizio concretamente le collaborazioni più urgenti possibili ed auspicabili tra le due amministrazioni comunali?

“Al di l? dei rapporti di buon vicinato, che sono sempre la base per una proficua sinergia tra enti pubblici in vari ambiti, credo che sia indispensabile rafforzare il legame tra Comuni confinanti.

Come gi? accade per altri ambiti, come ad esempio i Piani di zona per quanto riguarda l’assistenza e il sociale, credo che in futuro sar? sempre più importante per gli enti comunali iniziare a ragionare su forme di collaborazione per l’erogazione di alcuni servizi di primaria importanza per i cittadini

Per questo motivo, come riportato nel programma elettorale di Unione Civica, con le risorse statali sempre più risicate, occorre pensare ad una riorganizzazione di alcuni servizi fondamentali insieme con i comuni limitrofi, come ad esempio la Polizia locale, gli uffici finanziari e gli sportelli tecnici e per le attivit? produttive, così da garantire servizi più veloci, diminuire la burocrazia e rispondere maggiormente ai bisogni dei cittadini.

A questo proposito, ho gi? iniziato a discuterne con alcuni Sindaci del circondario e ne parlerò in futuro anche con gli altri che non ho ancora sentito”.

Area vasta lei è d’accordo sulla suddivisione territoriale proposta e quali migliorie e-o modifiche apporterebbe?

“Ad una prima analisi, la riorganizzazione delle Province attuata sembra quasi una riforma ‘incompiuta’, che ha lasciato l’ente provinciale con poche competenze e poche risorse per espletarle. Forse sarebbe stato meglio pensare ad altre soluzioni, magari ad una loro definitiva abolizione e ad una ripartizione delle loro competenze ad altri enti territoriali, quali Regioni e comuni, ma non sta a me giudicare.

Detto questo, riguardo all’area vasta, essendoci appena state le elezioni, ci vuole tempo perché gli amministratori insediati possano iniziare a lavorare e soprattutto per giudicare se la suddivisione territoriale proposta sia congrua o meno.

Auguro un grosso in bocca al lupo al Presidente Poma e a tutti i consiglieri eletti, sicuro che faranno un buon lavoro nell’interesse generale di tutto il territorio pavese, Oltrepo compreso”.

La sua campagna elettorale si è snodata tra la gente, al mercato, crede che sia stato questo il suo cavallo di battaglia vincente?

“Io e i candidati di Unione Civica ci siamo dedicati con umilt? ed impegno ad incontrare tantissimi cittadini nei quartieri, nelle frazioni, al mercato, nei negozi, ovunque, per ascoltarne le richieste ed individuare insieme le soluzioni migliori.

Abbiamo dedicato le nostre energie a condividere la nostra visione di governo della citt? basata sulla trasparenza, sul dialogo e sul confronto: sono orgoglioso che i cittadini di Broni abbiano scelto di essere protagonisti del presente e del futuro della nostra citt? e di partecipare, insieme a Unione Civica, alla realizzazione del nostro programma che sar? il più condivisibile possibile”.

Secondo lei la scelta di Maggi di correre da solo l’ ha agevolata nella vittoria?

“Non sono un esperto di flussi elettorali, tuttavia credo che la lista del consigliere Ezio Maggi abbia preso voti che, se non si fosse presentato, sarebbero confluiti ad entrambi gli altri candidati. Quello che conta, alla fine, è che tutti cittadini di Broni possono contare sul fatto che io, i componenti della Giunta e i Consiglieri di Unione Civica non faremo mai mancare il nostro impegno nell’ascoltarli e nel rappresentarli con grande passione e disponibilit? , indipendentemente dal fatto che ci abbiano sostenuto o meno”.

Articolo precedenteAUTO STORICHE: RIEVOCATA LA BOBBIO PENICE
Articolo successivo“I PROFUGHI E LA SOLIDARIETÀ TRA LE MACERIE !” ci scrive il Signor Claudio di Casteggio