BRONI – IL COMUNE STANZIA 300MILA EURO PER AIUTARE I PRIVATI A RIMUOVERE L’AMIANTO

71

“Liberare la città dall’amianto: è l’imperativo categorico che il Comune di Broni rinnova stanziando 300mila euro di risorse proprie, da destinare ai privati per la rimozione del pericoloso materiale. Operazione, questa, che verrà effettuata in due tranche: la prima metà dell’importo sarà oggetto di una variazione di bilancio, inserita tra i punti dell’ordine del giorno della seduta consiliare in programma per venerdì 27 novembre, mentre i restanti 150mila euro verranno messi a disposizione con il prossimo bilancio di previsione. «Fermo restando che proseguiremo l’iter di riperimetrazione del Sito di Interesse Nazionale, con l’obiettivo di includervi tutto il territorio comunale e ottenere finanziamenti pubblici dal Ministero dell’Ambiente, – spiega il sindaco Antonio Riviezzi – abbiamo maturato la decisione di mettere a disposizione da subito risorse del Comune, possibilità favorita da una situazione economica e patrimoniale di tutta tranquillità. Vogliamo concretamente aiutare i privati a rimuovere le coperture in amianto, per questo nell’arco di due mesi destineremo allo scopo una cifra complessiva di 300mila euro. Stiamo già lavorando per fissare i criteri da seguire in fase di assegnazione dei contributi e man mano che avremo altre disponibilità economiche andremo ad implementare il fondo».

Va ricordato che il Comune di Broni dispone di una dettagliata mappatura aerea dell’amianto ancora presente in città, effettuata qualche anno fa con l’ausilio di droni: da questo studio erano emersi circa 110mila metri quadrati di coperture sparse su casolari, capannoni, case, pollai, garage, oltre ai manufatti in amianto già individuati all’interno del Sin. Da qui la richiesta dell’amministrazione comunale guidata da Riviezzi di allargare a tutta la città il Sito di Interesse Nazionale, pratica che tuttavia nei mesi scorsi ha subito un rallentamento «a causa della decisione del Comune di Stradella – ricorda il primo cittadino di Broni – di non proseguire con noi il percorso intrapreso. Purtroppo l’iter dovrà ricominciare da capo. Noi comunque andremo avanti con il lavoro fatto con il Ministero e la Regione Lombardia, ma nel frattempo ci è sembrato giusto accelerare i tempi erogando risorse per aiutare le famiglie bronesi a sostenere le spese di bonifica»”

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : COMUNICATI@ILPERIODICONEWS.IT