BRONI – LOTTA ALL’AMIANTO: I SUCCESSI E LE SFIDE DA AFFRONTARE

161

Gli importanti traguardi raggiunti, le sfide da affrontare nel prossimo futuro: la videoconferenza che si è tenuta nel pomeriggio di ieri, venerdì, è stata una preziosa occasione di aggiornamento e confronto sullo stato dell’arte della lotta all’amianto. Voluto dal sindaco di Broni, Antonio Riviezzi, l’incontro ha visto la partecipazione dei rappresentanti del territorio presso le istituzioni, oltre che del dirigente dell’ATS Pavia Ennio Cadum e dell’architetto Laura Ghelfi della Broni Stradella Pubblica. Collegati in streaming l’europarlamentare Angelo Ciocca, il senatore Alan Ferrari, i deputati Alessandro Cattaneo ed Elena Lucchini, i consiglieri regionali Roberto Mura, Simone Verni e Giuseppe Villani: a loro sono stati esposti i risultati della bonifica del Sin (Sito di Interesse Nazionale), operazione che, con il completamento del secondo lotto, ha ottenuto il completo ripristino ambientale delle aree ex Fibronit ed ex Ecored. All’architetto Ghelfi il compito di illustrare l’intervento dal punto di vista tecnico, mentre il dottor Cadum ha esposto i dati delle analisi epidemiologiche effettuate nell’ambito locale circa l’incidenza del mesotelioma.

La seconda parte della conferenza è stata invece dedicata ai nodi ancora da sciogliere, su tutti la realizzazione del nuovo liceo e l’allargamento del Sin all’intero territorio comunale. Argomenti verso i quali tutti i referenti politici hanno confermato assoluta convergenza d’intenti, ciascuno manifestando la propria disponibilità a lavorare per consentire alla comunità di Broni di archiviare definitivamente una delle pagine più dolorose della sua storia.

«Non posso che esprimere la più profonda gratitudine ai nostri rappresentanti istituzionali – dice in proposito Antonio Riviezzi – per ciò che hanno fatto e per ciò che faranno in merito alla rimozione dell’amianto dalla nostra città. Tutti loro, in questi anni, si sono dimostrati sensibili, attenti e concretamente impegnati in questa difficile battaglia. Durante la videoconferenza di ieri ho avuto modo di portare all’attenzione dei partecipanti i versanti d’azione che ancora ci attendono, riscontrando un atteggiamento di assoluta apertura nei confronti delle tematiche esposte. Inoltre – conclude il primo cittadino di Broni – ho manifestato il desiderio di organizzare, non appena sarà possibile, una giornata in ricordo delle vittime dell’amianto, da celebrare all’interno delle aree bonificate. Lo dobbiamo alla memoria dei nostri concittadini che non ci sono più e alle loro famiglie». Lo stesso sindaco, inoltre, ha annunciato la prossima convocazione di un consiglio comunale straordinario sulla tematica amianto per aggiornare i consiglieri comunali.