Broni: luminarie natalizie, il Comune stanzia 13.600 euro

50

Aiutare il commercio locale facendosi carico di un onere che, altrimenti, graverebbe per intero sulle spalle degli esercenti. È l’obiettivo che il Comune di Broni ha scelto di perseguire stanziando 13.600 euro per l’installazione delle luminarie natalizie. Un contributo importante, che va a coprire in larga misura il costo complessivo dell’iniziativa (alla quale, comunque, parteciperanno economicamente anche le realtà commerciali cittadine). «Viste le difficoltà affrontate da bar, ristoranti e negozi nei mesi passati – commenta l’assessore al Commercio, Mariarosa Estini – ci è sembrato doveroso intervenire per sgravare queste attività dall’esborso per le luminarie. Lo abbiamo fatto con senso di riconoscenza, consapevoli del ruolo sociale che il commercio di vicinato svolge nel nostro contesto. Ringrazio poi l’azienda che si è occupata dell’allestimento, la Berto Luminarie, per la tempestività con cui ha realizzato la posa delle luci».«A beneficiare dell’atmosfera creata dalle luminarie natalizie – interviene il sindaco Antonio Riviezzi – non sono soltanto gli esercizi commerciali, ma tutta la popolazione. Anche per questo ci è sembrato opportuno stanziare risorse a sostegno dell’iniziativa, che certamente valorizza il periodo, la città e le numerose attività programmate in vista delle feste». E a proposito di manifestazioni a tema, ad aprire il cartellone dedicato al Natale sarà, sabato prossimo 4 dicembre, un evento pensato per fare felici i più piccoli. Dalle ore 11 alle 18:30, infatti, Piazza Vittorio Veneto si trasformerà nella l’attesa “Piazza di Babbo Natale”: verrà posizionato all’ingresso un grande arco gonfiabile di benvenuto, sarà allestita la casetta di Natale e, al suo interno, verrà collocato il trono dell’illustre ospite giunto dal Polo Nord. Santa Claus in persona accoglierà i bambini e imbucherà insieme a loro le letterine nella “posta magica”, oltre regalare divertenti sculture di palloncini. Vicino alla casetta saranno installate alcune scenografie gonfiabili e non mancherà la mitica slitta di Babbo Natale, tra le più grandi d’Italia. Sarà poi presente l’Elfo pasticcione, che regalerà zucchero filato a tutti i bambini. Inoltre verranno organizzati laboratori per i più piccoli, tra cui quello dedicato al legno a cura di Andrea Giorgi (proposta che verrà replicata anche sabato 18 dicembre).

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.
_________

Articolo precedenteOltrepò Pavese – Rivanazzano Terme: “Stagione 2021 finita” per Silvia Gallotti
Articolo successivoVoghera: nasce “Diamoci una mano”, in aiuto di persone affette da patologie psichiatriche