Broni – Riviezzi: “«La campagna elettorale ha raggiunto livelli bassissimi, come mai prima d’ora”

222

«Purtroppo la campagna elettorale in corso ha raggiunto livelli bassissimi, come mai prima d’ora. Ormai si sta toccando il fondo, tra fotografie di topi finti, informazioni distorte, attacchi personali e inquietanti esempi di manipolazione della realtà – così il Sindaco uscente Antonio Riviezzi in una nota stampa – l’azione di discredito condotta nei miei confronti da altri candidati, a dispetto della correttezza e della serietà che si dovrebbe dimostrare quando si ha la pretesa di rappresentare i cittadini. Negli ultimi giorni ho assistito a una serie di tentativi, più o meno maldestri, di delegittimazione dell’amministrazione comunale uscente. Ebbene, ho sempre accettato la contrapposizione politica, ma non posso rimanere impassibile davanti a questa vera e propria macchina del fango. Ad esempio viene descritta una situazione di criminalità diffusa che farebbe impallidire i quartieri più malfamati del mondo: ho letto di frazioni e periferie controllate da bande di spacciatori armati, continui furti, raggiri e altro ancora. Certamente esistono in alcune aree della città problematiche di sicurezza: ne siamo consapevoli e il nostro impegno sarà quello di potenziare ulteriormente i controlli e il sistema di videosorveglianza. Ma l’immagine di una Broni allo sbando lede la dignità della nostra comunità, oltre ad essere una palese forzatura. Gli stessi residenti delle periferie, pur manifestando il desiderio di un rafforzamento della sicurezza, mi hanno confermato come le forze dell’ordine svolgano sul territorio un lavoro attento e puntuale. Ciò che invece diminuisce i livelli di sicurezza è la narrazione secondo cui le telecamere pubbliche installate non sarebbero funzionanti il che, oltre ad essere falso, può rappresentare un invito all’azione per i malintenzionati. Posso assicurare, dimostrandolo con i fatti, che i dispositivi di videosorveglianza funzionano perfettamente. Chi afferma il contrario lo fa basandosi sulla notizia di un guasto avvenuto a gennaio, a cui naturalmente è stato posto rimedio già da tempo. E non è questo il solo tema su cui è stato fatto del terrorismo psicologico. La battaglia contro l’impianto di biogas – prosegue il candidato alla carica di primo cittadino di “Unione Civica – Antonio Riviezzi Sindaco – è stata condotta all’insegna della mistificazione. Si è perfino arrivati a spacciare per autorizzazione dell’impianto, pronunciamento questo che spetta solo e soltanto alla Provincia di Pavia, una delibera sulla regolarità tecnica del progetto presentato. Omettendo ogni volta che tale progetto ha avuto l’ok dell’Agenzia della Tutela della Salute e di Legambiente, ma soprattutto tralasciando che l’impianto in cui verrebbe realizzato il biodigestore esiste a Broni dal 1999. Non mi soffermo poi sui paralleli con l’amianto, classificabili come sciacallaggio politico. Credo però che il punto più basso sia stato raggiunto addebitandomi una responsabilità morale in un caso di cronaca che ha coinvolto un minorenne, finito in coma etilico. Siamo arrivati veramente all’assurdo. Io e la mia squadra andremo avanti con le nostre idee e i nostri progetti, per il bene di Broni e dei suoi abitanti. Abbiamo in programma la risoluzione del problema dell’amianto, la riqualificazione di Piazza Italia con l’abbattimento dei palazzi simbolo del degrado, la costruzione del nuovo Liceo, il miglioramento della viabilità, il rilancio delle attività commerciali, solo per citare alcuni dei temi su cui vogliamo impegnarci. Se altri preferiscono proseguire sulla linea dell’invettiva continua, senza avanzare proposte minimamente plausibili, facciano pure. Però permettetemi di dire che questo non è mai stato il mio modo di intendere la politica – conclude Riviezzi – che invece interpreto come servizio ai cittadini».

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteVoghera – Francesca Miracca: “Chiedo la verità alla Sindaca. Basta prendere in giro i cittadini”
Articolo successivoOltrepò Pavese- Centinaio: Bene taglio rese, primo passo per rilancio. Dopo vendemmia ulteriori incontri