CASTEGGIO “L’INQUINAMENTO AMBIENTALE NON È UNA CONGETTURA”

176

Simone Verni, consigliere regionale oltrepadano del M5S Lombardia in una nota stampa interviene in merito all’inquinamento ambientale a Casteggio: “A prova del fatto che esistono le problematiche e non sono risolte – scrive Verni – con un accesso agli atti alla Provincia di Pavia ho ottenuto il verbale di accertamento del 13/7/2020 che verifica che la ditta non ha installato entro il 31/12/2019, il sistema di analisi in continuo a presidio di alcuni punti di emissione, come prescritto dall’Autorizzazione all’esercizio AUA n. 68/2018. Inoltre, durante il tavolo tecnico del 21/06/2019, ATS ha suggerito la possibilità di costruire un questionario da distribuire ai cittadini per rilevare la percezione degli effetti delle attività svolte dalla ditta, una volte che queste raggiungano il completamento per step attuativi. Ad oggi il comune non si è ancora attivato con i questionari e ricordo che la DGR IX/3018 avrebbe potuto essere attivata dal comune stesso anche negli anni precedenti, a seguito delle molestie olfattive rilevate dai cittadini da moltissimi anni (anzi da sempre). Ricordo, inoltre, che il terreno di proprietà dell’azienda AB Mauri, situato nel Comune di Casteggio nelle vicinanze della SP ex SS35, è interessato dalla presenza di pozze con liquido scuro ed emerge la presenza di alcuni superamenti delle CSC (concentrazione soglia di contaminazione).  In data 6 ottobre ARPA ha partecipato ad un incontro in Comune di Casteggio e in tale occasione ARPA e Comune hanno chiesto l’adozione di misure di prevenzione/emergenza per evitare che lo strato di materiale inquinato sul fondo delle pozze continui a contaminare le acque in occasione degli eventi meteorici. Nell’ambito dell’incontro tecnico è stato quindi chiesto alla Società AB Mauri l’aggiornamento del Piano di indagine preliminare, presentato nel marzo 2020, inquadrandolo come un Piano di caratterizzazione ambientale. Stando a quanto appreso da una nota di ARPA, la società AB Mauri non ha inviato ancora alcuna documentazione. Chiedo al comune di sollecitare la ditta al fine di poter procedere quanto prima al ripristino dei luoghi. Infine, ci tengo a sottolineare che io non mi sto affatto accanendo contro l’amministrazione comunale, nè tanto meno contro la AB Mauri, ma sto solo facendo delle domande alle quali non è sempre facile avere risposte. Lunga vita alla AB Mauri se, al pari di ogni altra azienda del pianeta, rispetta le regole e la normativa vigente. La mia attività non si ferma sicuramente e continuerò a fare domande per capire quali sono i motivi dell’inquinamento odorigeno, del Coppa e dei terreni. Ma, soprattutto, la cosa che mi interessa di più è comprendere l’attività svolta negli anni dagli enti pubblici (Provincia, Comune, ecc) e acclarare se questi hanno operato correttamente. D’altra parte i numerosi verbali emessi dai Carabinieri forestali, le attività svolte dall’ARPA, fino ad arrivare ai 13 indagati dalla Procura, oltre agli evidenti fattori di inquinamento ambientale, non sono macchinazioni, né un accanimento del Consigliere regionale Simone Verni. Mi permetto di sconsigliare al Sindaco Vigo di non recitare la parte della vittima perché qui a Casteggio i problemi sono evidenti e noti da anni e sarebbe anche arrivato il momento di cambiare il passo, per il bene dell’ambiente e dei cittadini”