Casteggio- Sabato 25 settembre “Shopping, Wine & Foods” evento dedicato alla cultura, al commercio e all’enogastronomia

225

Sabato 25 settembre, dalle 16 alle 19, il Comune di Casteggio organizza un evento dedicato alla cultura, al commercio e all’enogastronomia; un pomeriggio che vede il territorio e le sue tipicità quali protagonisti. Il progetto è realizzato all’interno del programma del Distretto del Commercio della Via Emilia, dai Comuni di Casteggio, Broni, e Stradella con il contribuito di Regione Lombardia e con la partecipazione di Ascom Confcommercio Pavia, Slow Food Oltrepò Pavese, Confagricoltura Pavia, Coldiretti Pavia e Cia Agricoltori Italiani Pavia. Nel pomeriggio a partire dalle ore 16 il Comune di Casteggio ospiterà una serie di iniziative a
partecipazione libera quali: visite guidate e mercato a km zero. Il Sindaco di Casteggio, Lorenzo Vigo, sottolinea: “Casteggio è caratterizzata da commercio di qualità, monumenti storici di rilievo e ottima enogastronomia. Sono diverse le opportunità di visita,
di degustazione, di acquisto; abbiamo vere eccellenze che vanno promosse e valorizzate”. L’assessore al Commercio del Comune di Casteggio, Milena Guerci presenta l’iniziativa: “Riteniamo importante realizzare eventi integrati in cui ci siano diversi elementi attrattivi per un pubblico diversificato. Il nostro territorio deve essere scoperto, conosciuto ed apprezzato in tutte le sue
peculiarità.” Le visite guidate gratuite, condotte da guide turistiche, racconteranno la storia di alcuni luoghi e monumenti della città con tour in partenza ogni ora (alle 16.00, alle 17.00, alle 18.00).Dal punto di ritrovo, in Piazza Martiri della Libertà, partirà l’itinerario “Borgo Antico del Pistornile”. I luoghi che i visitatori potranno ammirare saranno il Palazzo Certosa Cantù sede del Civico Museo Archeologico e dell’Oltrepò Pavese, la Chiesa di San Pietro Martire, la Villa Marangoni, il Palazzo della Feudataria, l’Ex Convento di Santa Clara, la Chiesa di San Sebastiano, la Vittoria Alata nel Parco delle Rimembranze e il Palazzo Carena.
Entrando nel “borgo” del Pistornile ci si inoltra nell’antico impianto romano, di cui via Castello costituisce il “cardo massimo”, eredità dell’epoca latina, quando la parte alta del paese era occupata da un accampamento militare. Il toponimo “Pistornile” è di origine chiaramente latina e deriva dal fatto che in epoca romana la zona era occupata dai magazzini di vettovaglie e in particolare da macine enormi detti “pistoria”, da cui “pistoriensis domus”. Dall’età romana fino al tempo di Einstein che soggiornò presso il Palazzo Marangoni. Qui il giovane Albert Einstein, fu richiamato, oltre che dalla bellezza dei nostri luoghi, soprattutto dall’amicizia con Ernestina Marangoni. La visita guidata dunque permetterà ai visitatori di cogliere gli aspetti peculiari di chiese, vie e palazzi.
Unitamente agli itinerari culturali, sarà proposto un mercato di prodotti tipici locali con la presenza di diversi produttori agricoli.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteVoghera – Affronti: Caso Miracca e caso Gabba, due pesi due misure?
Articolo successivoVal di Nizza – «Promuovere una lista come si suol dire farlocca non mi sembrava nè serio nè corretto nei confronti degli elettori»