CHE FINE HA FATTO QUEL BUON SENSO CONTADINO CHE HA SEMPRE AVUTO L’OLTREPÒ?

177

Ho sempre sperato che in Oltrepò, terra abitata nella stragrande maggioranza dei casi, da persone di buon senso, non si arrivasse per ogni cosa “al muro contro muro”, auspicando che le posizioni dei vari soggetti – seppur in diversi ambiti e senza condivisione di intenti – potessero dialogare e convivere civilmente.

Questo non avviene. Pensiamo ad esempio ad una delle principali risorse dell’Oltrepò: il vino, dove “il muro contro muro” è alla sua massima espressione. C’è chi vuol fare solo vino di qualità e venderlo solo in bottiglia e c’è chi di contro dice che il vino deve essere venduto anche in cisterna. La diatriba sta assumendo toni sempre più accesi che non porteranno, a mio giudizio, a niente, semplicemente perché la ragione sta da entrambe le parti. In Oltrepò si produce tantissimo vino e anche riducendo le rese – cosa non facile da far accettare e da realizzare – si produrrebbe più vino di quanto è possibile commercializzare in bottiglia, pertanto vino sfuso e in cisterna andranno pur venduti. E così, invece di trovare una soluzione su come vendere il vino in cisterna senza che questo deprezzi quello venduto in bottiglia, ci si scanna. E ci si scanna sui giornali e ci si scanna sui social ci si scanna in ogni dove… e il vino è solo un esempio.

Cambiamo settore e vediamo se va meglio: lo sport in Oltrepò. Da quando è uscita la buona notizia, (buona è una mia opinione, quindi opinabile) che La Sei Giorni di Enduro si sarebbe svolta in Oltrepò e successivamente da quando è stato deciso che purtroppo (purtroppo è una mia opinione) la stessa sarebbe stata rinviata causa Covid nel 2021, immediatamente c’è stata una levata di scudi prima contro la manifestazione, poi contro gli enduristi, che per carità non saranno tutti Santi ma neppure tutti diavoli e poi ancora cambio di passo, questa volta alcuni amanti dell’enduro hanno inveito contro i paladini del trekking e delle camminate nella natura incontaminata e silenziosa. Anche in questo caso ho letto dichiarazioni oltranziste di persone che conoscono in entrambe le due “fazioni” contrapposte, il “partito del no moto” (perché gli enduristi sono dei barbari) contro “il partito del no ai naturalisti”(perché gli amanti della natura sono degli invasati).

Il “muro contro muro” molto spesso porta al no deciso o al sì deciso che sono affermazioni universalmente riconosciute su temi universalmente chiari, ma che non hanno alcun senso su temi opinabili.

Il “muro contro muro” porta solo ad ingigantire i problemi delle opposte fazioni.

E nel turismo come funziona? In Oltrepò c’è un gran fiorire in questo momento soprattutto, di associazioni e società che vorrebbero o che già si occupano di turismo e anche lì insulti. “Io sono più bravo, tu non sei nessuno, io faccio turismo e tu no. Non si può fare turismo così, bisogna farlo cosà…”. Ci sono i fans della teoria “non si può promuovere il territorio facendo per proprio conto ma bisogna far riferimento ad un unico ente preposto” e poi ci sono gli ultras del “Faccio da me” e molto spesso la politica per non sbagliare dà 7 pani ad uno e 7 pesci ad un altro, ma anche qui c’è il partito del “io Sì” e “tu No”.

Partito che dice la sua anche nell’emergenza sanitaria trasformandosi nel “partito della mascherina sì”, contro quello della “mascherina no”. Che fine ha fatto quel buon senso contadino che ha sempre avuto l’Oltrepò? Devo dire che leggendo i vari organi di informazioni ed i vari social, molto spesso i più equilibrati sia nel modo di esprimersi sia come apertura mentale sono i giovani. Sempre più spesso molti giovani sono disposti a dialogare con chi ha idee diverse dalle proprie che sia sul vino, sul turismo, sullo sport e sui vari problemi oltrepadani.

Si dice spesso che il futuro è nelle mani dei giovani e devo dire che a parte qualche rara eccezione, mi sento di confermare che in Oltrepò almeno nella metodologia dell’affrontare i problemi, i giovani stanno dando una lezione ai più vecchi e questo è un segnale di speranza per il futuro dell’Oltrepò.