CLASSIFICA DEI PAESI PIÙ ‘SANI’: L’ITALIA 20ESIMA SU 188

78

Italia al 20esimo posto in una lista di 188 Paesi più ‘in salute’ del mondo: in cima alla classifica Islanda, seguita da Singapore e Svezia, mentre gli ultimi posti troviamo la Repubblica centrafricana, la Somalia e il Sud Sudan. Le nuove stime, pubblicate sulla rivista ‘The Lancet’, sono basate sull’analisi degli obiettivi di sviluppo sostenibile per la salute delle Nazioni Unite e sono state elaborate da esperti indipendenti della University of Washington di Seattle (Usa).

Annunciati nel 2015, i 17 ‘universal goal’ dell’Onu mirano a migliorare una serie di aspetti, fra cui quelli alcuni legati alla salute della popolazioni come tasso di obesit? o di infezioni, mortalit? infantile sotto i 5 anni o incidenza dei suicidi. E secondo le osservazioni dei ricercatori, i Paesi ai primi posti della classifica hanno gi? , in parte o del tutto, raggiunto molti degli obiettivi. Ne emerge che l’Italia si piazza abbastanza bene nella valutazione di quanto avanzati siano i Paesi verso il raggiungimento dei ‘bersagli’ indicati dalle Nazioni Unite, prima di Francia, Giappone, Stati Uniti, ma dopo Germania, Spagna e Regno Unito.? ?

In generale più di tre quinti dei Paesi hanno gi? raggiunto gli obiettivi relativi alla riduzione della mortalit? materna e infantile.

Solo piccoli miglioramenti sono stati raggiunti nell’incidenza dell’epatite B, mentre gli indicatori di obesit? infantile e consumo di alcol sono peggiorati, sempre in media. E meno di un quinto delle nazioni considerate ha raggiunto l’accesso universale all’acqua potabile e ai servizi igienici. Nessuno ha eliminato del tutto malattie infettive come la tubercolosi e l’Hiv. E visti questi risultati, raggiunti nel corso degli ultimi 25 anni, l’obiettivo di cancellare queste patologie nei prossimi 15 anni è altamente irrealistico, avverte lo studio.

Articolo precedenteVARZI “PROBABILMENTE LE ASSOCIAZIONI HANNO RAGIONE A LAMENTARSI…”
Articolo successivoMATTEO SALVINI DIVENTA PROFESSORE…… SEI LEZIONI AL COSTO DI 590 EURO