Colli Verdi: “La fusione una grande scommessa”, tra campanilismo e scetticismo

44

Il 1° gennaio 2019 è stato istituito il comune di Colli Verdi mediante la fusione dei comuni di Canevino, Ruino e Valverde. Semplificazione amministrativa e contributi straordinari statali erogati per dieci anni successivi alla costituzione del comune nato da fusione, nonché il raggiungimento di un buon livello di welfare, sono tra i vantaggi e gli obbiettivi della fusione. A tre anni dalla sua costituzione, parliamo con il sindaco di Colli Verdi, Sergio Lodigiani, per capire se la fusione è stata una scelta lungimirante.
Sindaco, a 3 anni dalla nascita del Comune di Colli Verdi, ritiene che la fusione abbia portato solo benefici?
«Sarebbe sciocco parlare solo di benefici, difficoltà ce ne sono state e ce ne saranno ancora. Il progetto di riunire tre Comuni, piccoli ma con caratteristiche e peculiarità diverse, è stata una grande scommessa, in cui ho sempre fortemente creduto, ma non mi sono mai illuso che non ci sarebbero state difficoltà legate soprattutto al “campanilismo” che caratterizza le nostre realtà. Tuttavia ritengo che i benefici superino di gran lunga le criticità».
C’è un rovescio della medaglia, vale a dire, aspetti negativi legati alla fusione?
«L’aspetto negativo che ci viene spesso contestato da una parte della popolazione è la chiusura dei precedenti Comuni di Canevino, ma soprattutto di Valverde. La nostra attenzione resta sempre alta sui bisogni di tutta la popolazione, ma gli uffici periferici hanno subito una inevitabile riduzione dei tempi di apertura al pubblico nelle sedi decentrate. Tuttavia abbiamo istituito i Municipi per supportare e segnalare all’Amministrazione i bisogni locali delle singole realtà che compongono il nuovo Comune. I nostri Responsabili, inoltre, si rendono disponibili ad incontrare gli utenti anche nelle sedi decentrate per il disbrigo delle pratiche relative al proprio ufficio».
I comuni nati da fusione riceveranno fondi per i primi dieci anni “di vita”. Quanti soldi pubblici riceverà il comune di Colli Verdi dal 2019 al 2029?
«La normativa in vigore prevede che la contribuzione statale venga attribuita in dieci annualità con una percentuale calcolata su una base fissa. Nei primi 2 anni abbiamo ricevuto l’intera somma pari a 385mila euro».
I contributi sino ad ora arrivati e quelli che arriveranno che destinazione d’uso hanno? Siete vincolati o in base alle esigenze del Comune, la Giunta può decidere di spenderli come meglio crede?
«Ci sono contributi che possono finanziare spese correnti e altri che finanziano investimenti, acquisiti anche indirettamente. Ad esempio: alcuni contributi ministeriali o regionali hanno una “corsia preferenziale” per i Comuni fusi, ovvero la fusione dà diritto ad un punteggio maggiore rispetto alla domanda presentata dal singolo Comune o da un Ente in forma associata. Il contributo Fusione è di natura corrente e senza vincolo di destinazione. La sua utilizzazione per eseguire opere pubbliche è possibile dall’anno successivo quando i risparmi gestionali si trasformano in avanzo di amministrazione».
Un effetto della fusione che “preoccupava” soprattutto i Comuni “spogliati” della propria sede municipale era la perdita di identità nonché il timore di una sorta di campanilismo. Oggi lei crede che Canevino e Valverde vivano di questa paura?
«Come ho già detto, purtroppo questa paura esiste e sta a noi, in qualità di Amministratori, dimostrare quotidianamente che i confini si possono superare. Credo sia normale che ci siano state resistenze al progetto di fusione per paura di una perdita di identità, ma le tradizioni e il legame con il territorio vive in noi e si tramanda alle future generazioni. Non si è attuato un annullamento, ma un’integrazione che già da anni si stava consolidando con l’Unione dei Comuni, Ente sovracomunale composto dai tre Comuni poi oggetto di fusione. L’Amministrazione Comunale sta realizzando opere pubbliche in tutte le Frazioni Comunali, senza privilegiare alcun territorio».
La sede municipale si trova a Pometo nell’ex Comune di Ruino, dove lei, sindaco e la sua squadra vi trovate fisicamente. Come riesce a conoscere e capire le esigenze o i bisogni di chi vive a Canevino o Valverde? Come ha dovuto in questo senso modificare il suo ruolo di sindaco?
«Il mio modo di “essere sindaco” non è poi così mutato. Sono sempre stato presente tra la gente, ascolto quotidianamente i loro bisogni. Il territorio di Colli Verdi non è così ampio da non conoscere la gente di Canevino o di Valverde. Per fortuna le nostre realtà erano fortemente note anche prima della fusione. Inoltre l’Unione dei Comuni costituita nel 2009 ha insegnato ai Sindaci dei tre Comuni l’esistenza di un “Noi” ovvero di un progetto d’insieme che ha agevolato i meccanismi della fusione».
Con il processo di fusione al di là dei contributi, che male non fanno, la macchina burocratica si è davvero snellita? In che modo?
«Diciamo che per alcuni uffici ha snellito gli adempimenti, che prima si facevano per i tre Comuni e per L’Unione di Comuni; il personale ha avuto modo di specializzarsi ulteriormente, focalizzandosi puntualmente sui propri servizi e quindi rispondendo meglio alle esigenze dell’utenza».
I servizi sono più efficienti e meglio coordinati?
«Certamente gli Uffici sono più efficienti la costituzione di una unica Banca Dati per i Demografici, i Tributi, e per l’Ufficio Tecnico ha snellito gli adempimenti che erano triplicati o addirittura quadruplicati. Di contro la maggiore disponibilità finanziaria fa sì che si adottino un maggior numero di atti amministrativi e anche i lavori pubblici sono aumentati con il coinvolgimento di tutte le strutture presenti».
Tra i luoghi di interesse turistico e culturale nel suo Comune vi sono il Castello di Torre degli Alberi e il Castello di Verde. Sono previste opere per renderli attrattivi?
«Colli Verdi conta sul proprio territorio 3 castelli. Il Castello di Torre degli Alberi e quello di Montuberchielli sono di proprietà privata. Il Castello di Verde, di proprietà Comunale insieme all’annesso parco, è sicuramente un luogo interessante ad attrattivo, che va giustamente valorizzato. è in corso un intervento di messa in sicurezza e recupero funzionale del Castello di Verde, finalizzato anche all’accessibilità e fruibilità dell’area storica con particolare attenzione a popolazione fragile.
L’emergenza sanitaria ha penalizzato il nostro territorio, come tutto il resto del mondo. Come la precedente Amministrazione, stiamo portando avanti la manutenzione e i progetti di sviluppo realizzati in convenzione con ERSAF per mantenere il PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) sempre pulito ed efficiente».
Ristoranti, agriturismi, aziende agricole e vitivinicole sono il cuore pulsante dell’economia locale. Il Covid avrà messo a dura prova tutte queste attività. Come sono state “aiutate”?
«Purtroppo tutti abbiamo risentito di questo isolamento forzato, anche moralmente; le attività hanno avuto anche una penalizzazione economica, alcune molto più di altre. Come Amministrazione abbiamo provveduto nei mesi scorsi a ripartire ad alcune Imprese i fondi pervenuti dallo Stato, sia sotto forma di integrazione per il mancato reddito da chiusura COVID che per spese di investimento, integrandoli, ove possibile, con risorse provenienti dal nostro bilancio e cercando di raggiungere una platea ampia. Abbiamo anche deliberato percentuali di esenzione dalla TARI per le utenze non domestiche, nell’anno 2020 pari al 25% dell’intera tariffa (andando quindi oltre quanto previsto dalla normativa statale) e nell’anno 2021 prevedendo riduzioni dal 30% al 85% dell’intera tariffa, a seconda del periodo di chiusura obbligatoria. Inoltre abbiamo previsto di emettere gli avvisi di pagamento alla fine del mese di novembre, dopo un periodo di ripresa parziale delle attività».
Tre anni fa il tema fusione era senza dubbio un tema caldo, anche la vicina Zavattarello all’epoca sembrava voler intraprendere la strada della fusione. Oggi se ne parla molto meno, anzi non se ne parla proprio. Perché secondo lei? Cosa è cambiato?
«Questa è una domanda alla quale dovrebbe rispondere l’Amministrazione del Comune di Zavattarello. Dal nostro punto di vista la fusione è un processo complesso, che presuppone la volontà di tracciare un nuovo percorso insieme, non esistono assolutismi o prevaricazioni, ma la volontà di intraprendere un cammino comune. Anche l’aspetto economico è allettante, questo è indubbio, ma se la motivazione è solo quella non si va da nessuna parte. è come un matrimonio che si basa solo sull’interesse economico. Ciò che più conta in una fusione è una comune identità di pensiero che, come già ribadito, crea il pensiero del “noi” inteso come l’insieme di un’unica Comunità».

di Silvia Colombini

Articolo precedenteVoghera: una birra a base di peperone, per omaggiare la città
Articolo successivoBroni – Terre d’Oltrepò: “I vini sequestrati sono puliti alle analisi”. Chiesta l’archiviazione