Dal GAL Oltrepò Pavese circa 5 milioni di euro di contribuzione alle aziende del territorio

187

Si è conclusa nelle settimane scorse la fase istruttoria delle domande di contributo riferite al Programma Leader gestito dal GAL; sono ben 105 quelle ammesse a finanziamento dal 2019 ad oggi, per un importo complessivo di circa 5 milioni di euro di contribuzione ammessa, il 93% della dotazione finanziaria messa a disposizione dalla DG Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi di Regione Lombardia. Un risultato importante-sottolinea il Presidente Tagliani- considerate le difficoltà riscontrate nell’avvio della
programmazione; queste risorse destinate ad Imprese agricole, Enti Locali ed Associazioni, daranno sicuramente un impulso importante alla ripresa del nostro territorio dopo la terribile esperienza della pandemia.
Risultato importante, ottenuto dal ritrovato spirito di collaborazione dimostrato da tutti i soggetti coinvolti nell’iniziativa, all’impegno ed alla professionalità della struttura che si è fatta carico di una nuova fase di animazione indispensabile per rimodulare il piano e renderlo coerente con le aspettative attuali.
Grazie a questo risultato sarà possibile ottenere dalla DG Agricoltura di Regione Lombardia nuove risorse previste per coprire il periodo di estensione della programmazione, pertanto a breve si avvierà una nuova fase di interlocuzione con il territorio attraverso il coinvolgimento delle associazioni di categoria agricole, gli Enti Locali e le associazioni no-profit per una preliminare condivisione degli interventi prioritari in coerenza con le disposizioni di Regione Lombardia.
“È da poco iniziato il procedimento istruttorio per ulteriori sette domande di contribuzione pervenute da Aziende Agricole; entro la fine del mese di agosto- spiega la Direttrice Elisabetta Antoniazzi- dovremmo riuscire ad esaurire totalmente la dotazione finanziaria di 5.534.000,00 e nel frattempo, -aggiunge- provvederemo a mettere in atto un’importante azione di animazione territoriale tesa a coinvolgere le associazioni di categoria e direttamente le Aziende Agricole ed Agrituristiche del territorio”.
Le misure messe in campo fino ad oggi contribuiranno a sostenere l’aumento della produttività, sostenibilità ed ammodernamento delle imprese agricole ed agrituristiche, a sviluppare idee innovative gestionali di processo e di prodotto attraverso l’adozione di nuove tecnologie o pratiche produttive, l’implementazione di servizi assistenziali ed essenziali per le aree marginali , lo sviluppo di sistemi turistici integrati al fine di valorizzare le peculiarità e le aziende dell’Oltrepò Pavese, la manutenzione, il recupero ed il potenziamento della viabilità agro-silvo-pastorale contribuendo alla tutela del paesaggio e delle superfici forestali, il recupero dei manufatti rurali ed investimenti finalizzati alla produzione di energie rinnovabili. La maggior parte degli interventi verrà realizzato tenendo conto delle esigenze sorte a seguito dell’emergenza sanitaria pur non tralasciando la sostenibilità ambientale, economica e sociale dell’Oltrepò Pavese.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteVoghera – Ghezzi: La Sindaca Garlaschelli venga in consiglio comunale a rassegnare le sue dimissioni
Articolo successivoSalice Terme – Prima edizione del Omnia Film Award