GLI ITALIANI ? SUL SESSO SONO TIMIDI: POCO TRASGRESSIVE LE FANTASIE FRA LE LENZUOLA

99

Parlare di sesso non è più un tabù e, anzi, mai come oggi se ne discute così tanto. Ma se si tratta di esporre le proprie fantasie, gli italiani si scoprono timidi e poco disposti al ‘famolo strano’. L’immaginario sessuale castigato emerge dall'”indagine sull’immaginario erotico femminile e maschile degli italiani”, condotta dalla Federazione italiana di sessuologia scientifica (Fiss), e che verr? illustrata nel dettaglio in occasione della III Settimana del benessere sessuale, dall’1̊ all’8 ottobre in tutt’Italia.

La ricerca ha coinvolto quasi 500 persone, donne e uomini fra i 18 e i 70 anni, di ogni orientamento sessuale, che hanno risposto a un questionario, in forma anonima, sulle loro fantasie e sul desiderio di realizzarle, dando un ‘voto’ da 0 a 5. “Questo – spiega il presidente del Comitato scientifico della Fiss, Vieri Boncinelli – perché la letteratura e l’evidenza clinica mostrano una forte correlazione tra la capacit? di elaborare fantasie sessuali e il desiderio” fra le lenzuola.? ?

Ebbene, sono i più giovani (18 – 39 anni) a conquistare i punteggi più alti, così come coloro che hanno una relazione stabile tra i 6 e i 12 mesi . Conta molto l’orientamento sessuale: al primo posto per frequenza, intensit? di eccitazione e desiderio di realizzare le fantasie ‘hot’ ci sono i bisessuali, seguiti dagli omosessuali e, poi, dagli etero. Punteggi leggermente superiori sono stati riscontrati nell’Italia centrale e per chi ha scolarit? medio alta. La ricerca conferma il diverso modo di vivere il sesso da parte di uomini e donne.

Le fantasie sessuali più comuni per lui e lei sono, infatti, molto diverse. Le donne mettono al primo posto avere un rapporto sessuale con il partner amato, seguito dal baciare il partner appassionatamente, abbracciarlo teneramente e infine essere ‘toccate’ fino a raggiungere l’orgasmo. Mentre sognano poco di fare sesso con qualcuno più giovane – la fantasia meno frequente – e di avere rapporti con una persona di razza diversa o con due partner di sesso opposto.

Non solo. La differenza fra lui e lei è ancor più evidente, secondo i ricercatori, quando si chiede all’intervistato se è intenzionato a realizzare la fantasia. Molte donne immaginano scene di sesso che non desiderano affatto vivere nella realt? .

La fantasia più frequente indicata dagli uomini è ricevere sesso orale dal partner, seguita dall’essere stimolati manualmente e fare altrettanto al partner. Stuzzica poco, invece, l’idea di fare l’amore in un luogo pubblico, di fare uno strip erotico al proprio partner, di vestirsi in maniera provocante e assumere atteggiamenti seducenti. “Ci aspettavamo fantasie sessuali più estreme – commenta Boncinelli – In generale, l’impressione è che non ci siano molte fantasie trasgressive. Lo stesso è emerso in una recente ricerca sempre della Fiss sulle attivit? sessuali degli italiani: ciò significa che il substrato socioculturale ha ancora tabù e inibizioni”.

“Si sentiva l’esigenza di avere un quadro aggiornato e reale delle fantasie degli italiani, anche per una utilit? clinica – afferma Boncinelli – L’idea di condurre l’indagine è nata sia per la ricerca di stimoli efficaci per la valutazione della risposta sessuale, sia per mettere a punto un protocollo di fantasie per facilitare l’anamnesi del fantasmatico sessuale”.

“L’immaginario sessuale rimane uno degli aspetti più interessanti della sessualit? – considera la presidente della Fiss, Roberta Rossi – perché rappresenta il ‘giardino segreto’ dei desideri a volte inconfessabili. A livello internazionale si evidenziano sempre più similitudini tra fantasie maschili e femminili piuttosto che differenze, soprattutto per quello che riguarda la presenza di fantasie cosiddette inusuali, riferite a comportamenti come bondage, dominio e sottomissione, feticismo, voyeurismo e altro, sembrerebbero essere correlati a una maggiore apertura nei confronti della sessualit? “.

“Non ci colpisce quindi, così come emerge dalla ricerca Fiss – conclude – che ad attivit? sessuali usuali corrispondano fantasie usuali e che ancora oggi, nella nostra realt? , anche le fantasie sessuali risentano di un aspetto culturale importante, che vede la sessualit? espressa con maggiore libert? ma ancora poco vissuta nella sua dimensione ludica e di piacere”.

Articolo precedenteOSSESSIONE CELLULARE, PIÙ DI 7 ITALIANI SU 10 LO TENGONO SEMPRE IN MANO
Articolo successivoSONDAGGIO – I 5 STELLE PAGANO IL CAOS RAGGI: GIÙ AL 25%.