Domenica, 25 Agosto 2019

BRONI - TEATRO CARBONETTI: LA STAGIONE 2019 - 2020

“La nuova stagione del Carbonetti è stata ideata con la consapevolezza che il Teatro svolge, in maniera sempre crescente, il compito di riannodare fili di un racconto condiviso con il nostro territorio e le nostre radici, in cui l’Amministrazione comunale crede molto ed investe – spiega il Sindaco Antonio Riviezzi – Alla base della programmazione, quest’anno più che mai, vi è la voglia di condividere con tutti i nostri spettatori questa responsabilità sociale e culturale propria del teatro: la responsabilità di valorizzare i valori e l’ identità della nostra città e del circondario”. “Una sfida che trova riscontro nel continuo crescendo di presenze del pubblico di tutte le età; durante la scorsa stagione, 5 spettacoli sono andati sold out e abbiamo registrato una presenza media superiore all’80% della capienza – continua il Sindaco – Un trend positivo, conseguito negli ultimi anni, che contiamo di rafforzare con questa nuova proposta, che abbraccia generi e artisti classici e di nuova drammaturgia, nel rispetto dei suggerimenti delle associazioni locali e dei desiderata del nostro pubblico, sempre più protagonista della vita del Carbonetti: non solo in qualità di spettatore, ma anche in quella di attore per ciò che riguarda le scelte di programmazione”. “Gradimento che non riguarderà solo la proposta degli spettacoli offerti nel cartellone, espressione di un percorso creativo eterogeneo che quest’anno consentirà di porsi in un ascolto ‘curioso’ e di allargare il proprio sguardo critico attraverso riflessioni sospese fra divertimento e consapevolezza, ma anche gli eventi collaterali – prosegue Riviezzi – ‘InOltre’, contenitore ideato insieme con le associazioni locali e il mondo della scuola per valorizzare e dare spazio alle realtà che hanno le proprie radici nel territorio provinciale, vero e proprio marchio di fabbrica ‘made in Carbonetti’ ; ’Di.Do.menica’, rassegna dedicata ai più giovani in programma alla domenica pomeriggio, e ‘Carbonetti 2.0’, che permette ai ragazzi di confrontarsi dal vivo con le più famose star del web, spesso visti come distanti ed irraggiungibili”. “Altro aspetto importante ed irrinunciabile della prossima stagione l’offerta di spettacoli gratuiti, pensata sia per rendere omaggio ad alcuni temi che ci sono cari - la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, la Giornata della Memoria e la Festa della Donna – sia per avvicinare al teatro anche chi, normalmente, preferisce altri tipi di intrattenimento o per celebrare insieme importanti ricorrenze, quali il Natale o il 25 aprile, quando saranno protagonisti gli studenti delle nostre scuole - conclude il Sindaco di Broni - Infine, la grande novità di quest’anno: la realizzazione di una vera e propria stagione estiva, in programma la prossima estate nei rinnovati giardini di Villa Nuova Italia, per far sì che il percorso culturale e di intrattenimento intrapreso dal Teatro continui tutto l’anno”. ...InOltre InOltre è un’appendice della stagione teatrale che si apre al territorio, quest’anno Melody Castellari proporrà la prima edizione del Premio Corrado Castellari, rivolto a tutti gli interpreti, cantautori, gruppi musicali che compongono ed eseguono musica originale. Un altro giovane gruppo Pavese si esibirà al Carbonetti dopo aver registrato un videoclip negli spazi interni la passata stagione, i Nylon, già vincitori del Concorso Rock Targato Italia e premiati dalla Fondazione Estro Musicale. L’Associazione Amici del Teatro Carbonetti presenterà altre sorprese nel corso della stagione, un primo appuntamento a settembre durante il tesseramento, - interviene Marco Rezzani Presidente - la caratteristica del nostro Teatro è proprio la dinamicità, la programmazione non è mai statica e i nostri collaboratori sono in continuo fermento creativo, i soci, che crescono con il passare degli anni, si sentono sempre più coinvolti e non hanno timore di proporre iniziative. Gli Amici del Teatro sono attivi anche sul territorio, si stipulano convenzioni e collaborazioni, nella certezza che l’investimento culturale sia risorsa della società civile, non importa l’ambito o il luogo, lo spazio scenico dei colori squillanti di un presepe, i lustrini dell’avanspettacolo, le tonache pastorali, non esiste un ordine reale nella stratificazione delle maschere, non esiste un tempo storico e un tempo teatrale: per noi tutto è teatro. La realtà non ha corpo, ma una serie di costumi di scena intercambiabili, il teatro...un luogo infinito in cui risuonano applausi. 

Entrando nel vivo della proposta ad aprire il sipario della stagione 2019/20, sabato 19 ottobre alle ore 21.00, Gioele Dix con lo spettacolo Onderòd, in cui il comico milanese propone grandi monologhi che riflettono e ironizzano su mode e gusti correnti, abitudini e debolezze diffuse. Immancabile il personaggio dell’automobilista, conosciuto al grande pubblico grazie alla trasmissione Zelig. Si prosegue con il secondo spettacolo degli 8 in abbonamento, mercoledì 13 novembre, in scena L’odore assordante del bianco, con Alessandro Preziosi. Lo spettacolo racconta la storia di Vincent Van Gogh in particolare il periodo di reclusione nel manicomio di Saint Paul. Venerdì 13 dicembre, Geppy Cucciari racconta quello che le donne vorrebbero dire, nello spettacolo Perfetta. Dopo la pausa natalizia si alza il sipario sabato 11 gennaio su Figlie di Eva, protagoniste Maria Grazia Cucinotta, Vittoria Belvedere e Michela Andreozzi. Tre donne sull’orlo di una crisi di nervi legate allo stesso uomo, un politico spregiudicato e corrotto. Una storia di solidarietà ma anche della condizione femminile, costretta a stare un passo indietro ma capace di tirare fuori risorse geniali e rimontando vincendo in volata. Venerdì 17, Alessandro Benvenuti veste i panni di Don Chisci@tte, un pazzoide che vede cospirazioni in ogni azione che si manifesta nel mondo, in quanto la casualità non esiste secondo il suo stesso credo. Il moderno cavaliere non esce mai da quella stanza ma comunica con il mondo tramite il suo Canale Youtube, aiutato da Stefano Fresi, il suo scudiero, che si rivelerà poi essere una persona molto importante nella sua vita. Le proposte in abbonamento proseguono con lo spettacolo di escapologia con Marco Berry con Il più grande mago del mondo Houdini, una sfida all’ultimo trucco del mago dei maghi, spettacolo che certamente farà stare il pubblico col fiato sospeso. Sabato 15 febbraio, Otto donne e un mistero, commedia thriller di Robert Thomas con, tra le altre, Anna Galiena, Debora Caprioglio, Caterina Murino, Paola Gassman. La trama è un ingranaggio perfetto per sedurre lo spettatore contemporaneo ormai abituato alla nuova generazione di criminologia psicologica. Sarà il comico Maurizio Lastrico a chiudere la stagione sabato 28 marzo, con la piéce Quello che parla strano. Attraverso i suoi celebri endecasillabi “danteschi”, che mescolano il tono alto e quello basso, l’attore ripercorre il meglio del suo repertorio, raccontando con ironia di incidenti quotidiani. Oltre agli spettacoli in abbonamento, sono diversi gli appuntamenti musicali che compongono il cartellone del Teatro Carbonetti. Sabato 26 ottobre ore 19 in scena l’opera lirica La Traviata di Giuseppe Verdi, una produzione Circolo Pavia Lirica. A seguire la consueta cena di gala nel ridotto del teatro. A febbraio tornerà, con la Masterclass Corea InCanto, direzione artistica Malva Bogliotti, questa volta gli artisti si prepareranno su un repertorio che avrà come protagonista la musica barocca nel concerto di domenica 9 febbraio, ore 18. Per l’operetta l’appuntamento è domenica 15 marzo ore 17 con Al cavallino bianco, operetta in tre atti di Ralph Benatzky e Robert Stolz. Firma questa produzione la Compagnia d’Operette Elena D’angelo, che si contraddistingue per la volontà di proporre allestimenti che si attengano alla tradizione operettistica italiana. L’Amministrazione Comunale conferma per la prossima stagione gli appuntamenti gratuiti, su prenotazione che stimolino la partecipazione collettiva, tendendo a dissolvere i confini tra le tre comunità coinvolte nell’evento teatrale, e in generale la distanza tra attore e spettatore, e tra persona e personaggio. Domenica 24 novembre ore 21 Di sabbia e di vento, della Compagnia Teatro In Mostra, in occasione della Gionata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne. La storia di tre donne che lottano, a distanza di secoli, per la propria autostima, contro la discriminazione di genere e la disparità tra i sessi. Sabato 21 dicembre il concerto di Natale, offerto dall’Amministrazione, sarà un percorso trasversale tra musica natalizia, lirica e jazz. Altri saranno gli eventi gratuiti inseriti in stagione: Farfalle è il titolo scelto per la Giornata della Memoria, lunedì 27 gennaio, lo spettacolo è stato scritto per raccontare in maniera diversa l’affronto più grande dell’uomo a se stesso: il campo di concentramento. Nel corso del XX secolo, in diversi ambiti e in diverse parti del mondo, l’uomo ha deciso deliberatamente di recludere l’uomo e privarlo di libertà fondamentali e necessarie; Fame mia con Annagaia Marchioro per la regia di Serena Sinigaglia, programmato sabato 7 marzo, vigilia della Festa della Donna. È una storia umana, umanissima, alla quale si finisce per aderire. Parla di fragilità e riscatto. Dolce, dolcissimo, umile e fresco riscatto. Un inno alla vita che riporta alla vita e fa sentire meno soli, meno spaventati, meno infelici. E di questi tempi non è poco, non è affatto poco. L’Amministrazione Comunale celebra la ricorrenza del giorno della Liberazione offrendo uno spettacolo che rievoca la guerra e le sofferenze inferte a coloro che l’hanno vissuta, grazie a un lavoro sensibile presentato dalle scuole.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari