Lunedì, 21 Ottobre 2019

OLTREPÒ PAVESE - COTARELLA DI TERRE D’OLTREPÒ - LA VERSA : “GENERALE RITARDO DELLA MATURAZIONE DI CIRCA 10/15 GIORNI”. VENDEMMIA ITALIA 2019: PRODUZIONE -16%, 46MLN DI ETTOLITRI CONTRO 55 MILIONI DEL 2018.

“Se l'annata 2018 è stata generosa – ha sottolineato Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi ed enologo di Terre d'Oltrepò - La Versa,   – nel 2019 si assiste in molte zone a un’inversione di rotta. Dal punto di vista climatico anche quest'anno la variabilità del meteo si è fatta sentire, in particolare a maggio, con un abbassamento delle temperature accompagnato da abbondati precipitazioni, che hanno determinato un rallentamento del ciclo vegetativo della vite. Si rileva un generale ritardo della maturazione di circa 10/15 giorni, tanto da far rientrare l'epoca di vendemmia in periodi più legati alla tradizione, dopo gli innumerevoli anticipi registrati negli ultimi anni”.

Riduzione della produzione del 16% rispetto all'annata record del 2018 nella vendemmia 2019, con una stima di 46 milioni di ettolitri; tuttavia l'Italia dovrebbe mantenere anche per il 2019 la leadership mondiale, perché né la Francia né la Spagna sembrerebbero in grado di superarla. Sono le previsioni dell'Osservatorio del Vino presentate oggi a Roma, presso il ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, che vedono per la prima volta Assoenologi, Ismea e Unione Italiana Vini (Uiv) unire forze e competenze per fornire i dati.

All'appuntamento sono intervenuti il presidente di Uiv Ernesto Abbona, il direttore generale di Ismea Raffaele Borriello e il segretario generale del Comité Européendes EntreprisesVins Ignacio SanchezRecarte.

“Con la vendemmia 2019 – ha spiegato Ernesto Abbona, presidente di Unione Italiana Vini – rientriamo nella media degli ultimi anni, segnando una flessione marcata rispetto alla eccezionale produzione dello scorso anno con una qualità variabile, tra il buono e l'eccellente a seconda delle zone, che ci consente di guardare al futuro con ottimismo e fiducia. È lecito attendersi la tenuta dei prezzi sui vini a DO, che rimanendo nei volumi dei disciplinari subiranno meno la flessione, così come lo scorso anno hanno risentito meno dell'aumento produttivo, e un possibile ritocco in alto dei listini degli sfusi visto il calo vendemmiale anche di Francia e Spagna.”.

"Il vino italiano – ha aggiunto Raffaele Borriello, direttore generale Ismea – negli ultimi anni ha consolidato un importante percorso di internazionalizzazione tramite la concentrazione e la riorganizzazione dell’offerta verso prodotti di maggiore qualità e gradimento nei mercati esteri. Gli effetti di tale evoluzione verso la qualità e l’efficacia delle politiche commerciali sono testimoniati dal costante aumento del fatturato all’export, quasi raddoppiato negli ultimi dieci anni. In prospettiva, sul futuro del settore peseranno le modalità di uscita del Regno Unito dall’Europa e l’incertezza del nuovo assetto geopolitico mondiale, dove le dinamiche dei mercati saranno sempre più difficili da leggere e imporranno strategie sempre più complesse, differenziate e flessibili: maggiori rischi, ma anche maggiori opportunità, per chi saprà anticipare le tendenze evolutive, lavorando a un’accurata segmentazione delle politiche commerciali di esportazione". Borriello ha concluso il suo intervento con un auspicio: "un nuovo governo che abbia a cuore l'agroalimentare e il mondo del vino".

Per Ignacio Sanchez Recarte, segretario generale del CEEV, al livello europeo si prevede "una vendemmia 2019 ridotta rispetto a quella del 2018, che fu straordinaria e vicina alla media storica. Le elevate temperature registrate durante l’estate rappresentano la causa principale della riduzione della produzione, ma quest’anno ci aspettiamo un’uva di eccellente qualità”.

In definitiva se è vero che la produzione è inferiore a quella dell'anno scorso, la sfida per venderli sui mercati internazionali è comunque alta e va affrontata con una squadra forte. "L'auspicio è che il nuovo ministro sia sensibile al settore del vino, un settore che frutta 13 miliardi di euro, importante quindi per l'agroalimentare. E che sia poi celere nel firmare quei decreti legati al testo unico del vino che sono ancora in attesa", ha detto Filippo Gallinella, presidente commissione agricoltura alla Camera, intervenuto oggi in conferenza stampa. "Per quanto riguarda il lavoro parlamentare - ha aggiunto - ci sono da fare ancora aggiustamenti e correzioni sul testo unico del vino e di quelli me ne farò carico io, come commissione agricoltura".

Guardando all'Italia, le previsioni mostrano una vendemmia che sembrerebbe risultare inferiore alla precedente in tutte le regioni italiane ad eccezione della Toscana, ma con una qualità delle uve generalmente buona su tutto il territorio nazionale. Questo calo produttivo è da imputare essenzialmente alle condizioni climatiche di gran lunga meno favorevoli rispetto a quelle che avevano portato all'abbondante vendemmia 2018. Comunque, il 2019 sembra iniziato positivamente per quanto riguarda il mercato estero: nei primi 5 mesi dell'anno (dati elaborati da ISMEA su base ISTAT) le esportazioni italiane si attestano sugli 8,6 milioni di ettolitri a volume (+11% rispetto agli stessi mesi del 2018), a fronte di una progressione del valore che ha raggiunto i 2,5 miliardi di euro (+5,5%). Se i dati dei mesi successivi dovessero confermare questa tendenza, a fine anno potrebbero essere sfiorati i 22 milioni di ettolitri per un indotto che potrebbe raggiungere i 6,5 miliardi di euro.

Sul fronte export si registra una progressione più marcata verso i Paesi UE (+14% in volume e +6% in valore), rispetto a quella verso i Paesi terzi (+6% e +5%). 

  1. Primo piano
  2. Popolari