Mercoledì, 15 Luglio 2020
 

OLTREPÒ PAVESE – CONSORZIO VINI : CAMBIAMENTI IN VISTA? SECONDO MOLTI CAMBIERÀ POCO IN MERITO ALL’EGEMONIA DI TERRE D’OLTREPÒ

Il presidente Luigi Gatti, in carica dal giugno 2018 sotto l’egida di Regione ed Ersaf, sfiduciato senza giri di parole dal socio di maggioranza del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese: Terre d’Oltrepò - La Versa, attraverso la voce del nuovo big del vino oltrepadano, Andrea Giorgi.

Gli stracci erano volati già nel dicembre 2019, quando lo stesso Giorgi aveva bocciato senza giri di parole la gestione dell’ultimo anno del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese.

Una presa di posizione che si basava su alcune situazioni che si erano venute a creare con la presidenza di Luigi Gatti che avevano portato Giorgi, per divergenze sull’operato, ad abbandonare un consiglio di amministrazione. Successivamente aveva spiegato: «Ci sono aspetti estremamente positivi come l’assunzione del direttore Veronese - spiega il numero uno del colosso vitivinicolo oltrepadano - altri invece non sono concepibili.

Ad esempio l’immobilismo presidenziale nell’affrontare questioni organizzative: non è tollerabile, come non è comprensibile, la chiusura rispetto all’aiuto che possono dare gli altri consiglieri e soprattutto i vicepresidenti. Per non parlare delle mancate risposte ai consiglieri o i silenzi su questioni che sono state sollevate. In questo contesto non è possibile lavorare e per questo motivo, mio malgrado, sono stato costretto a lasciare anzitempo l’ultimo consiglio. Proprio per questo spero che la consapevolezza e la responsabilità di tutti i consiglieri e dei produttori associati ponga fine ad una situazione surreale che da troppi anni si protrae.

Dico tutto questo per il bene del nostro territorio. Per troppo tempo Terre d’Oltrepò è stato il facile capro espiatorio, ora gli altri dimostrino di assumersi le proprie responsabilità». Il presidente di Terre d’Oltrepò era entrato ancor più nel dettaglio delle situazioni contestate al presidente Gatti.

«In questo anno la nostra cantina cooperativistica all’interno del consiglio - spiega - ha dato il proprio apporto in merito a decisioni importanti quali l’allargamento del numero dei consiglieri, le azioni per ripulire la gestione da precedenti ed incomprensibili decisioni che hanno minato credibilità e funzionamento del consorzio stesso». Andrea Giorgi, con un comunicato datato 20 maggio, il giorno prima del consiglio d’amministrazione decisivo sulla revisione di voto e statuto, rincara la dose: «Mi rammarica il fatto che, nell’ultimo anno, abbiamo invano cercato di portare avanti gli interessi del territorio, ostacolati però da persone che sul territorio predicano bene ma razzolano male. Oggi questi comportamenti non sono più ammissibili.

E la nostra Cantina non è più disposta a questi doppi giochi che fanno male all’Oltrepò». Giorgi si rammarica del fatto che a suo dire qualcuno è rimasto completamente sordo a quanto proposto dalla cantina: «Nei mesi scorsi – spiega - abbiamo cercato di intervenire più volte con proposte costruttive sulla gestione ma non siamo stati ascoltati. Ci hanno accusati di avere l’egemonia decisionale nel consorzio. A questo punto abbiamo fatto un passo indietro, abbiamo assecondato le richieste, ma anche questo non è stato apprezzato. è giunto il momento di cambiare profondamente l’ente a favore dei viticoltori. Lo ribadisco, ora più che mai, in questo delicato momento storico per il mondo della viticoltura, che non possiamo più ammettere l’immobilismo che ha caratterizzato questa gestione. Mi spiace ma è tempo di una riforma radicale anche in seno al consiglio di amministrazione. Proprio per questo, come ho già detto in passato, Terre d’Oltrepò non si vede più rappresentata dall’attuale presidente Luigi Gatti».

La parola è quindi passata giovedì 21 maggio alle ore 16 al consiglio di amministrazione e ai consiglieri in carica sotto la presidenza Gatti ovvero ai vice presidenti Luca Bellani, Andrea Barbieri e Pier Paolo Vanzini, insieme al resto del consiglio: Claudio Battaini, Simone Bevilacqua, Francesco Cervetti, Cirillo Contardi, Camillo Dal Verme, Quirico Decordi, Gilda Fugazza, Andrea Giorgi, Renato Guarini, Marco Maggi, Davide Musselli e Valeria Vercesi. L’epilogo è stato l’approvazione dopo una melina protrattasi per quasi due anni del nuovo statuto, sulla falsariga di quanto già individuato come necessario dall’ex Cda a guida Michele Rossetti, messo all’angolo a fine mandato insieme a gran parte della precedente gestione, l’ala indipendente da Terre d’Oltrepò. In pratica si prevede l’allargamento del consiglio, che passerà da 15 a 21 membri, e una limatura del peso ponderale dei voti di ogni singolo socio in assemblea. Oltre a questo s’imporrà una maggioranza qualificata per assumere alcune decisioni: succederà un po’ come accade nelle assemblee condominiali rispetto alle scelte che per essere assunte richiedono il verificarsi di più condizioni insieme (la presenza di tot inquilini e dei titolari di tot millesimi). Secondo molti, comunque, cambierà poco in merito all’egemonia di Terre d’Oltrepò - La Versa in assemblea del Consorzio, per via del combinato disposto del peso del maxi polo cooperativo che oltre che sui suoi voti ha sempre potuto contare su quelli dei suoi grandi clienti che da essa dipendono

(imbottigliatori) e di molti viticoltori privati, associati singolarmente al Consorzio e magari altresì soci del cantinone che comunque hanno, costantemente o saltuariamente, rapporti d’affari con il colosso da non scontentare. La paura è che l’allargamento del Cda sia solo di facciata, per poi decidere alla vecchia maniera in sede assembleare: l’ultimo passaggio realmente fondamentale per l’assunzione di ogni scelta cruciale relativa a disciplinari e strategie. Sul destino di Gatti e del consiglio uscente sarà decisiva la seduta di consiglio del Consorzio del 28 maggio. La politica è già in movimento. Rinviata sempre alla stessa seduta, a quanto trapela, anche la discussione sulle scelte in vista dell’imminente campagna vendemmiale 2020 all’epoca del Covid-19. La sezione locale della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti per far fronte alla situazione d’emergenza vuole più di ogni altra cosa l’abbassamento delle rese e lo stop alla possibilità dell’arricchimento dei vini con mosto concentrato rettificato. Si dovrà aspettare per capire quali siano gli orientamenti nel rispetto dei produttori di qualità che chiedono scelte e garanzie.

di Giuseppe De Bellis

 
 
  1. Primo piano
  2. Popolari