Martedì, 23 Aprile 2019

VOGHERA - «TASSE INVARIATE, CONFERMATI GLI SGRAVI PER IL COMMERCIO»

Se l’obiettivo era non aumentare le tasse, si può dire che sia stato raggiunto…o quasi. Il bilancio ha superato l’esame del consiglio comunale di Voghera e la maggioranza può tirare un sospiro di sollievo. Il documento  programmatico conferma in sostanza le riduzioni fiscali relative al welfare già in vigore e i tagli, dal 10% al 20% sulla Tari per alcune categorie di negozi. Il nodo del contendere resta però l’aumento, seppur minimo, della Tari per circa 7mila abitazioni, che pagheranno circa 10 € in più rispetto al passato per via di un tecnicismo che spiega l’assessore al bilancio Gianfranco Geremondia: «Adeguandoci a quanto indicato dal ministero abbiamo in sostanza equiparato le pertinenze (quindi ad esempio i garage ndr) alle utenze domestiche» chiarisce l’esponente dell’UDC. «Si sono così ribaltate le percentuali: 55% utenze domestiche e 45% non. Se non avessimo fatto così i negozi e le attività commerciali avrebbero dovuto pagare i costi  per rifiuti che non producevano».

Assessore, il bilancio è approvato. Quali sono a suo avviso i riscontri di questa manovra finanziaria per i cittadini?

«Non aumenta la pressione fiscale locale. A quella nazionale ci pensa il governo (5 Stelle – Lega) del “cambiamento”, si fa per dire... che in questi giorni ci ha regalato anche l’eco tassa. Non aumentare la pressione fiscale locale e mantenere la generalità dei servizi a favore della collettività, confermando tariffe ferme da anni, mi sembra già un primo innegabile risultato. Questo è il risultato di un lavoro fatto con la condivisione degli obiettivi con gli altri colleghi, dal Presidente del Consiglio Nicola Affronti, al sindaco, ai consiglieri di maggioranza».

Ci dica in sintesi i provvedimenti più significativi.

«Si conferma la riduzione tariffaria per le famiglie numerose che usufruiscono del servizio di refezione scolastica; si mantiene la gratuità del servizio di assistenza domiciliare per gli ottantenni residenti; si sostiene l’accordo per favorire le locazioni a canone agevolato che comporta una riduzione della base imponibile per il calcolo dell’aliquota e una riduzione del 50% dell’aliquota per l’IMU applicata alla seconda casa. Si mantengono inoltre le riduzioni del valore di alcune tipologie di aree edificabili con riduzione dell’IMU dovuta in particolare al 50% alle aree edificabili ad uso produttivo e il 15% per le aree edificabili a zona residenziale».

Per la tassa rifiuti cosa viene confermato?

«La riduzione del 10% per le abitazioni con unico occupante con una superficie tassabile pari o inferiore a 50mq».

E per le famiglie più numerose?

«Con 5/6 occupanti con una superficie da 90mq a 110mq vale la stessa riduzione».

Ulteriori detrazioni per il commercio e le attività didattiche?

«20% per i locali adibiti ad attività didattiche quali asili nido o attività per assistenza anziani e disabili».

E per il commercio cosa viene mantenuto?

«La riduzione del 10% della tassa rifiuti per le attività commerciali pari o inferiori a 100mq e 20% per quelle che vendono generi alimentari. Riduzione del 20% della Tari per i locali interessati da interventi di investitori privati realizzati nell’ambito dell’accordo “attract” per cui la regione ha ammesso la nostra città al bando relativo. Riduzione del 50% dell’imposta sulla pubblicità per pubblicità all’interno delle attività commerciali, vendite al dettaglio o per iniziative sostenute dall’associazione di categoria».

Una curiosità: in consiglio comunale siede anche la Presidente di Ascom, Cristina Palonta. La sua assenza all’approvazione del bilancio era in dissenso con l’amministrazione?

«A quanto mi risulta la consigliera Palonta ha giustificato l’assenza con motivazioni personali».

Ma la consigliera Palonta ha lasciato il gruppo di FI e ha aderito al gruppo misto. Allora quali sono i significati di questa uscita dal partito per cui originariamente era stata eletta?

«La risposta non dovrei darla io ma il gruppo politico (FI) interessato alla defezione. Non mi risulta comunque che la signora Palonta sia uscita dalla maggioranza. Ha lasciato solo il gruppo del partito di appartenenza».

Non avete aumentato la pressione fiscale locale e allora quali sono i vostri provvedimenti per garantire le risorse destinate ad alcune funzioni ritenute fondamentali e strategiche?

«È stata fatta una rigorosa ricognizione delle spese di funzionamento confermando un ridimensionamento generale ove possibile. È stata confermata la linea già adottata in precedenza per la sostituzione del personale cessato, a tutela delle esigenze finanziarie e a garanzia del rispetto della normativa di finanza pubblica».

Ci sono modifiche per l’imposta sulla pubblicità?

«La vigente normativa in materia di imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni, dispone che agli effetti dell’applicazione dell’imposta medesima e del diritto sulle pubbliche affissioni, limitatamente alle affissioni di carattere commerciale, i Comuni suddividano  le località intese come strade e piazze del proprio territorio in due categorie, normale e speciale. Tenuto conto che la suddivisione del territorio comunale è stata definita nel 1994, si è reso necessario provvedere in considerazione della mutata situazione del territorio comunale, alla ridefinizione dell’elenco di quelle in categoria speciale. In sintesi abbiamo valutato gli insediamenti di Voghera est, di zona Medassino - mentre per le aree commerciai del Parco Baratta si era già provveduto all’adeguamento - ad adeguare l’imposta alla nuova realtà commerciale della città. Un provvedimento che farà pagare la grande distribuzione che si è insediata nelle nuove aree commerciali, come coloro che hanno negozi in centro città».

Quindi in sintesi il bilancio approvato cosa prevede?

«Per il 2019 sono previsti 33 milioni di spese correnti destinate per oltre il 25% ai servizi generali che garantiscono il generale funzionamento dell’ente, per oltre il 17% alle spese sociali con cui vengono garantiti adeguati livelli di assistenza alle categorie di cittadini maggiormente in difficoltà, il 7% per la viabilità, il 6% sia per l’ordine pubblico e la sicurezza che per l’istruzione e il diritto allo studio. Inoltre è stato previsto oltre l’8% per assicurare gli accantonamenti necessari che garantiscono il permanere delle condizioni di equilibrio del bilancio comunale. Oltre 6 i milioni di investimenti prevalentemente destinati al miglioramento tecnico sismico degli edifici scolastici e interventi di sicurezza della viabilità, alla realizzazione di un campo polivalente nell’area del palasport, di interventi di rifacimento della tribuna est dello stadio nonché di aree verdi per parco giochi. Non va dimenticato l’intervento per la frazione Oriolo, sollecitato a più riprese dal mio gruppo (UDC) e in particolare dalla consigliera Daniela Galloni relativo alla costruzione di loculi per il cimitero. Non possiamo dimenticare poi l’intervento “Recology” per Medassino, reso possibile con finanziamenti regionali sollecitati più volte dall’Assessore Panigazzi e dal mio partito. Quindi un bilancio finalizzato a soddisfare i bisogni della propria collettività tenendo conto delle possibilità economiche dell’ente, finalizzando tutte le spese senza accendere nuovi mutui che avrebbero sottratto risorse ai servizi per far fronte agli impegni assunti».

Per concludere, ad un esperto politico ed amministratore con tante deleghe chiediamo il parere su questa maggioranza

«Il voto sul bilancio non ha dato problemi, la maggioranza tiene e il mio partito con la sua compattezza (tre consiglieri comunali e due assessori) è un pilastro importante per assicurare stabilità. È auspicabile però una maggiore collegialità e soprattutto uno sforzo da parte del sindaco per tenere compatta la maggioranza riconoscendo visibilità a chi più si impegna. Occorre dimostrare che la squadra è salda per affrontare gli impegni e le scadenze elettorali che l’attendono».

di Silvia Colombini

agierre-marzo quarto-serteca TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani ASM-INTERA panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari