Lunedì, 20 Gennaio 2020

SANTA GIULETTA – ELEZIONI COMUNALI «LA BONIFICA EX VINAL PRIORITÀ ASSOLUTA»

Punta al bis Simona Dacarro, 49 anni, sindaco di Santa Giuletta dal 2014. Lo fa con la lista civica ‘‘Impegnati per Santa Giuletta’’.

Dacarro che cosa le fa pensare di essere il sindaco giusto?

«Pensare di essere il sindaco giusto è un’espressione un po’ forte. Io metto a disposizione il mio impegno per dare un contributo propositivo e costruttivo, cercando di essere imparziale, collaborativa, perseverante. Oggi penso di essere, purtroppo o per fortuna, una delle poche persone che sa cosa significhi Riequilibrio finanziario pluriennale con tutti i vincoli che ne derivano. Procedura alla quale l’Ente ha fatto ricorso nel 2014 al fine di ripianare gli ingenti debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive dovuti al grave problema idrico protrattosi negli anni».

Tre priorità della sua futura azione amministrativa in caso di vittoria?

«La priorità è sicuramente portare a termine la bonifica dell’area “Ex-Vinal” con il finanziamento decretato da Regione Lombardia di € 2.229.832. Al secondo posto si potrebbe indicare il rifacimento/potenziamento della rete di illuminazione pubblica a LED. Poi, sintetizzando si possono individuare Videosorveglianza, salvaguardia dell’Ambiente, e del nostro stupendo paesaggio vitivinicolo; costante attenzione al plesso scolastico».

Viviamo in un periodo complesso, la ripresa dalla crisi è difficoltosa e molte famiglie faticano a tirare avanti. In questo contesto, quanto e cosa crede che un’amministrazione comunale possa fare per migliorare concretamente la vita dei cittadini?

«Solo un Ente sano e equilibrato può intervenire profondamente nella soddisfazione delle esigenze della comunità. Comunque ogni intervento dell’amministrazione deve tradursi in un miglioramento della vita dei cittadini : la fortissima determinazione che questa amministrazione ha avuto per arrivare in tempi brevi alla costruzione “dell’impossibile” nuovo acquedotto fra Casteggio e Santa Giuletta ha avuto concreti effetti sulla vita quotidiana dei cittadini, là dove spesso mancava l’acqua per più giorni consecutivi; la pulizia del Rile di Manzo ha dato tranquillità agli abitanti della zona ed anche agli agricoltori; la strada delle Luere consente oggi il passaggio dei mezzi agricoli ma funge anche da sentiero per camminatori e corridori; la nuova centrale termica alla scuola Media sostituisce un impianto vetusto che generava seri disagi; la messa finalmente in sicurezza della piazza Pertini; i due guard rail in curve pericolose danno sicurezza; il doposcuola gratuito nel periodo estivo aiuta parecchie famiglie; i tanti interventi a favore di soggetti fragili o in difficoltà che, devo dire, partiti a volte da casi disperati, hanno avuto esiti positivi ed anche un adeguato riscatto sociale; ridurre la pressione fiscale non è consentito in Riequilibrio finanziario ma grazie al rigido percorso di risanamento svolto dall’Ente in questi anni, nel 2019 siamo riusciti a non trasferire sui contribuenti, con la tassa rifiuti, l’aumento di circa il 7% derivante dal piano finanziario della Broni-Stradella…etc.etc.etc.».

Perché la popolazione dovrebbe votare Lei e la sua squadra e cosa c’è di differente in contrapposizione agli altri?

«Non cerco contrapposizioni. Questi cinque anni di mandato sono stati faticosi. Come detto l’Ente ha ereditato una situazione pesante. Nel 2014 il Bilancio è stato chiuso a dicembre! L’Ente ha rischiato sia il commissariamento che il dissesto. Oggi, avendo concluso il quarto anno di attuazione del piano di riequilibrio, gli esami semestrali effettuati dalla Corte dei Conti attestano il raggiungimento degli obiettivi intermedi e l’Ente rispetta tutti gli equilibri di bilancio. Ringrazio tutti i cittadini che hanno compreso e anzi collaborato. Il 26 ogni scelta sarà rispettata».

Un sogno nel cassetto per il suo paese?

«Oggi si bonifica l’Area “Ex Vinal”. Vista la situazione giuridica, resta ancora un vero sogno la riqualificazione di tutta l’area».                           

  1. Primo piano
  2. Popolari