Domenica, 16 Giugno 2019

ARENA PO – ELEZIONI COMUNALI «PRIORITÀ AL PORTO TURISTICO PER IL RILANCIO»

Alessandro Belforti, sindaco uscente di Arena Po, si ripresenterà alle urne per portare avanti il lavoro svolto. Troverà sulla sua strada il suo ex vice Andrea Scagni e l’ex sindaco Valeria Morganti.

Belforti che cosa le fa pensare di essere il sindaco giusto?

«Se io sia o meno il sindaco giusto per Arena, questo lo  deciderà la gente il 26 maggio prossimo, quello di cui sono assolutamente certo è che questa amministrazione ha fatto tanto per il Comune di Arena Po , e quando dico Comune - a differenza di altri che tendono a creare campanilismi e divisioni inutili - intendo sempre tutto il territorio del Comune, dal centro del capoluogo fino alla più piccola frazione. Nessuno potrà mai dire che i questi anni io mi sia risparmiato, sono sempre stato presente in prima persona e sono sempre stato disponibile e aperto al confronto con tutti i miei concittadini, anche con quelli che non concordavano con il mio operato Per i miglioramenti oggettivi, basta fare un giro per il Comune per poterne avere prova incontrovertibile : manutenzione e rifacimento strade, marciapiedi e fossi delle frazioni, dei cimiteri, sistemazioni fognature,  grazie alla collaborazione con l’Accademia di Brera abbiamo realizzato il rifacimento del centro storico, abbiamo provveduto alla sistemazione e alla valorizzazione della lanca nei pressi dell’argine, organizzato tante manifestazioni a scopo benefico. Per gli aspetti meno direttamente visibili basta informarsi e si verificherà che in questi anni tanto è stato investito nella scuola sia dell’infanzia che in quella  primaria, tanto nei lavori pubblici e nel manutenzione del territorio; abbiamo supportato tante iniziative per potenziare e sfruttare al meglio gli impianti sportivi . Altra cosa molto importante, che però purtroppo risulta al momento difficile da provare e che solo con un po’ di lungimiranza è possibile cogliere ..... è che a mio avviso in questi 5 anni si sono gettate le basi per far svegliare  il nostro Comune dal torpore in cui era caduto e che rischiava di trascinarlo ad una lenta morte. Grazie al supporto di Enti e conoscenze abbiamo fatto conoscere Arena a tanta gente, l’abbiamo resa più bella, sia per chi la abita sia per chi viene a visitarla muovendo i primi passi per rilanciare il nome di Arena Po. Il bello non fine a sé stesso, ma come mezzo per raggiungere fini concreti e utili prima di tutto alla nostra comunità. I nostri figli cresceranno in un paese sicuramente più bello di prima, sta a noi fare in modo che il resto si realizzi. Vorremmo proseguire con i piedi ben per terra e la testa tra le nuvole, o meglio visto che il nostro è un paesi di agricoltori : “contadini con scarpe grosse, ma cervello fino”».

Tre priorità della sua futura azione amministrativa in caso di vittoria?

«Nell’ottica appena descritta, sicuramente la realizzazione del “porto turistico” è una priorità per rilanciare definitivamente il territorio, in secondo luogo la sistemazione dell’area demaniale che metterà in comunicazione Arena Po con la frazione Ripaldina con percorsi ciclo pedonali, potenziare aiuti sociali ed educativi , oltre alle tante altre idee enunciate nel nostro programma elettorale».

Viviamo in un periodo complesso, la ripresa dalla crisi è difficoltosa e molte famiglie faticano a tirare avanti. In questo contesto, quanto e cosa crede che un’amministrazione comunale possa fare per migliorare concretamente la vita dei cittadini?

«è sempre stata una nostra priorità in questi anni cercare di aiutare i cittadini in questo senso. Il nostro Comune non ha mai applicato né Imu né Tasi , inoltre durante i cinque anni della nostra amministrazione la Tari è stata abbassata  e sono state  addirittura alzate le soglie d’esenzione irpef  (cosa penso unica ), Durante la nostra amministrazione non sono mai stati alzati nè i costi dei trasporti scolastici nè quelli della mensa. sicuramente sono piccoli aiuti, ma è sicuramente una grande priorità nel nostro operare e vedremo di via via migliorare dove e appena possibile».

Perché la popolazione dovrebbe votare Lei e la sua squadra e cosa c’è di differente in contrapposizione agli altri?

«In generale non amo screditare gli altri per apparire migliore, ma preferisco fare del mio meglio e cercare di essere apprezzato per quello che faccio , non per quello che non fanno gli altri. Sono tranquillo del mio operato, ho sempre agito con chiarezza portando avanti le mie idee e le mie convinzioni, secondo me quello che abbiamo fatto in questi cinque anni è qui da vedere, basta aver voglia di non girare la testa dall’altra parte. Io sono sereno, ho sempre agito per il bene del paese e mai mosso da interessi personali. Spero che i cittadini in questi anni abbiano potuto vedere e apprezzare  la mia presenza, la mia disponibilità e la mia dedizione e che mi ripaghino con altri 5 anni di fiducia».

Un sogno nel cassetto per il suo paese?

«Sicuramente un centro sportivo al servizio dei cittadini e delle scuole».

agierre-marzo TecnoSerramenti-copia lidobuca-copia studio-medico-tagliani panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari