Domenica, 17 Novembre 2019

CAMPOSPINOSO - «UNA GESTIONE TRANQUILLA, SENZA INTERVENTI SIGNIFICATIVI»

Era lo scorso maggio quando anche il comune di Campospinoso è andato al voto. Alla fine la lista vincente è risultata essere quella di Olga Volpin e per Osvaldo Santoro, l’altro candidato sindaco, si è aperta la porta della minoranza. L’attuale consigliere ci aveva rilasciato un’intervista in campagna elettorale e aveva dichiarato che il paese necessitava di molta manutenzione a strade, marciapiedi, aree verdi e immobile comunale. Aveva inoltre parlato di sicurezza per gli abitanti e di sognare una Campospinoso splendente.

Nonostante il risultato negativo per il suo gruppo, lo abbiamo incontrato per capire come, dall’altra parte della “barricata”, intenderà svolgere il suo operato.

Consigliere, sono passati solo pochi mesi dalle elezioni e chiedere com’è l’operato di questa nuova amministrazione è probabilmente prematuro. Una sua sensazione?

«Fino ad ora direi una gestione tranquilla, senza interventi significativi, limitata all’espletamento delle pratiche di insediamento».                                                       

Si aspettava sinceramente la vittoria di Olga Volpin?

«Se devo parlare sinceramente allora dico di no. Logicamente come tutti i candidati anche io speravo nella mia vittoria, ho fatto il massimo per poter dare al mio paese la possibilità concreta di poter valorizzare il nostro territorio. La decisione finale però è in mano ai cittadini, pertanto rispetto la volontà popolare».

Ha già avuto modo di percepire in che modo la nuova amministrazione sta agendo per il paese?

«Attualmente vedo una gestione improntata al lavoro burocratico di ufficio, ma ammetto anche di notare scarsa partecipazione alla vita di comunità e alle problematiche reali dei cittadini».

Cosa si auspica che venga attuato a breve nel Comune?

«Come indicato nel mio programma elettorale, in primo luogo vorrei venissero attuati interventi significativi per quanto riguarda la manutenzione del paese e la sicurezza dei cittadini».

Prima delle elezioni aveva dichiarato al nostro giornale che la sua priorità era proprio la manutenzione: come sta procedendo?

«A mio avviso su questo punto sono stati attuati pochi interventi e soprattutto con tempistiche lente in relazione alle necessità».

Sempre al nostro giornale, aveva poi parlato di sicurezza e anche della nuova sede comunale. Come vede questi due punti al momento?

«Al momento non sono stati effettuati interventi in merito alla sicurezza dei cittadini, per quanto riguarda la nuova sede comunale, esternamente non risultano interventi di  manutenzione rilevanti».

Voi della minoranza come vi sentite in questo ruolo? Siete ascoltati? Venite interpellati nelle decisioni?

«Noi cerchiamo di essere presenti facendo del nostro meglio per tutelare gli interessi dei cittadini. Posso dire che riceviamo informazioni solo in sede di consiglio e, per quanto mi riguarda, non sono mai stato interpellato in merito ad alcuna questione che riguardasse il nostro paese».

Anche se rappresenta la minoranza quale rimane il suo sogno per Campospinoso?

«Il mio sogno rimane quello di poter vedere realizzati il prima possibile tutti i punti descritti nel mio programma elettorale e di poter vedere Campospinoso finalmente come un paese rivalutato e valorizzato in tutte le sue potenzialità».

di Elisa Ajelli

  1. Primo piano
  2. Popolari