Giovedì, 12 Dicembre 2019

OLTREPÒ PAVESE – PONTE DELLA BECCA –ROMANIELLO E FERRARI, RISPONDONO ALLA LUCCHINI : “I SOLDI PER FARE IL PONTE CI SONO”

Il deputato Cristian Romaniello del ‎Movimento 5 Stelle ed il senatore Alan Ferrari del Partito Democratico, in merito al tema Ponte della Becca rispondono alle affermazioni fatte alla stampa locale dalla Lucchini, che aveva dichiarato : "Il Movimento 5 Stelle ha consumato, oggi in commissione Ambiente, l'ennesimo tradimento, rimangiandosi gli impegni presi e rinnegando il lavoro svolto, solo pochi mesi fa. Ormai appiattiti al Pd, hanno fatto i voltagabbana e assunto oggi una posizione pilatesca, lavandosi le mani davanti alla decisione, espressa dal ministro alle Infrastrutture De Micheli, dei nuovi compagni di poltrona di togliere il finanziamento per la realizzazione del nuovo ponte della Becca e del nuovo ponte di Casalmaggiore.

Un finanziamento da 250 milioni di euro inserito, grazie al forte impegno della Lega, dal precedente governo, nella graduatoria prevista dall'articolo 1 comma 891 della legge di bilancio per il 2019 con emendamento a mia firma. In commissione, oggi, ho espresso la mia forte contrarietà rispetto a una decisione puramente politica e perplessità in merito all'applicazione della stessa legge in quanto non viene destinato neppure un euro alla realizzazione di nuovi ponti. In soldoni – concludeva Elena Lucchini, onorevole della Lega - di fatto non viene data attuazione a quanto previsto dalla legge stessa e viene snaturato l'obiettivo principale della norma".

Pronta la risposta di Romaniello e Ferrari : “Le osservazioni della collega Lucchini sono particolarmente fragili ed evidenziano lo scopo strumentale della critica. Iniziamo col ricordare che, per realizzare un nuovo Ponte, occorre dapprima consegnare un progetto di fattibilità, poi un progetto esecutivo ed, infine, stanziare i fondi per mettere in cantiere l’opera (cosa che la Lucchini prevedeva per il 2022 quando era in maggioranza, ora si stupisce perché i lavori non siano iniziati ieri).

Non è casuale che la Lucchini cerchi di alzare la tensione proprio nel momento in cui la Lega rimanda, ancora una volta, la consegna del piano di fattibilità. La Lega sta tradendo tutte le promesse fatte. Ricordiamoci che la Lega aveva promesso di costituire “Lombardia Mobilità”, una società che avrebbe, tra le altre infrastrutture, preso in carico integralmente il ponte della Becca. La promessa è stata tradita il giorno dopo le elezioni. Adesso hanno solo il primo passo da fare, il meno oneroso, e non risultano capaci di farlo, così come non riescono a prendersi cura dei nostri pendolari che viaggiano ammassati su vagoni strapieni per andare a lavorare. Se non riescono a governare, lo dicano.

In questi giorni in piano di pre-fattibilità dovrebbe essere consegnato dalla Giunta leghista di Regione Lombardia per consentire di procedere con la progettazione successiva. La Lega ha posticipato la consegna del documento a maggio 2020, facendo sfumare la possibilità di finanziare il progetto per un altro anno. A causa della significativa incompetenza della Lega dovremo cercare di porre rimedio al grosso disastro che stanno combinando, perché è a causa dei loro ritardi che si sta mettendo a rischio, forse di proposito, la possibilità di far rientrare il ponte della Becca nel corrente piano pluriennale di ANAS.

Le Regioni e gli altri enti interessati, quali ad esempio le Province, destinatarie dei finanziamenti, hanno espresso concordemente altre necessità e i ponti in oggetto verranno inseriti nella riclassificazione delle strade di competenza Anas. Nella seduta del CIPE del 24 luglio 2019, infatti, è stato approvato "l'aggiornamento del contratto di programma di ANAS 2016-2020", che include i ponti Becca e Casalmaggiore relativamente alle attività di progettazione.

Allo stato attuale, tra riclassificazione delle strade e i colpevoli ritardi della Lega, la nostra proposta è quella di finanziare il progetto di fattibilità tecnica ed economica, inserendolo nel prossimo Accordo di Programma con Anas. Dunque, dato che l'iter non si è concluso, tutto verrà deciso in conferenza unificata. Infine, siamo purtroppo costretti a precisare, ancora una volta, che lo stanziamento di 50 milioni l’anno per 5 anni, che da decenni vengono periodicamente rifinanziati, non saranno utili alla cantierizzazione dell’opera.

Ci spiace osservare che l’unico interesse del Carroccio sia quello personale e non il primario interesse per il bene dei cittadini. Sebbene abbiamo entrambi sollevato dubbi sull’utilità dell’azione della Lucchini dall’inizio, non l’abbiamo mai criticata per l’impegno, che le riconosciamo. E’ spiacevole che tale impegno sia utilizzato male e a soli fini strumentali e propagandistici.” Dicono in un comunicato congiunto il Deputato Romaniello ed il Senatore Ferrari.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari