Giovedì, 12 Dicembre 2019

OLTREPÒ PAVESE - A VERONA BRILLA SCATTOLON SOTTOTONO NICELLI

Scattolon brilla in una gara in cui Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto, su Volkswagen Polo R5, si aggiudicano il 37°Rally Due Valli rimescolando maggiormente le carte nella corsa al titolo tricolore, apertissima, con ancora quattro piloti Crugnola, appunto, e poi Basso, Campedelli e Rossetti in grado di aggiudicarsi lo scudetto quando al termine manca solamente una gara su terra, il Tuscan Rewind.

In tutto questo rimescolamento c’é invece l’ennesima nota positiva targata Oltrepò, quel “Do maggiore (ovvere dò di più)” suonata dal vogherese Giacomo Scattolon che chiude la gara veronese al sesto posto assoluto nella classifica di una gara che ha visto tutti i migliori specialisti nazionali, di cui, molti portacolori di Team Ufficiali, contendersi il successo finale. Scattolon, in coppia con Matteo Nobili sulla Hyundai I20 NG R5, si é battuto fin da subito all’interno della top ten assoluta, avvicinandosi gradatamente nella seconda fase di gara alla prestigiosa top five, traguardo per pochi.

Il driver vogherese, portacolori del Road Runner Team, ha dimostrato, se ancora ce ne fosse stato bisogno, di essere il miglior talento pavese impegnato in gare di grande rilievo. Un risultato il suo, che riempie di contentezza, oltre allo stesso pilota, anche tutti i suoi fans i quali auspicano che presto possa arrivare un grande supporter che permetta a Scattolon (già ex campione italiano Rally Junior) di spiccare quel volo nell’olimpo tricolore che da tempo merita. Stranamente giù di tono invece lo stradellino Davide Nicelli che dal Rally Due Valli esce un po’ deluso. Ora é chiamato a fare miracoli su di un fondo a lui non congeniale, la terra del Tuscan, per sperare ancora nella conquista del trofeo Peugeot. Navigato da Alessandro Mattioda, sulla Peugeot 208 R2 del Team  Bianchi, ha provato a racimolare qualche punto prezioso per il trofeo della Casa del Leone, ma alla fine ha raccolto solo un quarto posto nel monomarca e un secondo tra le due ruote motrici, con quest’ultimo titolo ormai vinto dall’ufficiale Peugeot Ciuffi. Molto lucidamente, di questa mezza débàcle Nicelli rimprovera se stesso: «È stato un week end in cui tutto ha funzionato al top tranne il sottoscritto – ha detto il driver stradellino - , che purtroppo sono stato veloce solo su alcune prove ma mai incisivo per stare con i primi. Peccato perchè avevamo preparato bene la gara e c’era la possibilità di ottenere un buon risultato utilissimo in ottica campionato, invece ora siamo costretti a rincorre i nostri principali rivali Griso e Guglielmini. Sono deluso e rammaricato con me stesso perché ho disputato una gara molto al di sotto delle mie potenzialità. Ora devo trovare la giusta concentrazione in vista del  Tuscan, l’ultima gara di campionato tutta su fondo sterrato dove saremo obbligati a fare una super gara se vorremo provare a giocarci il trofeo Peugeot e un posto da ufficiale Peugeot per il 2020».

di Piero Ventura

  1. Primo piano
  2. Popolari