Il Tiro Rapido Sportivo debutta a Stradella

186

Presso la sezione del Tiro a Segno nazionale di Stradella si è svolta nello scorso week end, la prima edizione della gara di Tiro Rapido Sportivo (TRS) denominata Speed Shooting. La competizione svolta con categoria unica e suddivisa su tre specialità, in base al tipo di arma utilizzata, si è svolta in osservanza del rigoroso protocollo Covid emanato dalla Unione Italiana Tiro a Segno (UITS) applicato alle gare. Più di quaranta tiratori provenienti da Lombardia e Piemonte si sono sfidati in una serie ripartita in due esercizi differenti, con una conduzione di gara impeccabilmente gestita dallo staff della sezione stradellina. I due esercizi da ripetere cinque volte per un totale di cinquanta colpi, sono stati strutturati in modo apparentemente semplice, ma hanno comunque messo a dura prova l’abilità tecnica dei partecipanti in quanto, alla velocità di esecuzione doveva corrispondere anche la precisione finale sul bersaglio. Il punteggio totale che ha determinato infatti la classifica finale, ha visto sommare il tempo totale impiegato con le penalità degli eventuali colpi mancanti sulle sagome (miss), penalizzati nella misura di cinque secondi per colpo fallito. Durante il simpatico buffet offerto dalla sezione a corollario della premiazione, sono stati unanimi i commenti positivi dei partecipanti riguardo l’organizzazione di questa prima prova di TRS disputatasi presso gli impianti del poligono oltrepadano. In una stagione dove la sezione di Stradella si è saputa imporre, nelle specialità olimpiche e production, in campo provinciale, regionale e nazionale, ha saputo organizzare e gestire nella sua prima esperienza, anche questa nuova disciplina che tanti consensi sta avendo in campo nazionale

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteOltrepò Pavese – Sei Giorni Internazionale Enduro: È stata una bella avventura… 3 domande ai 3 fratelli Buscone
Articolo successivo“Voghera in rosa” corsa/camminata benefica non competitiva. Visite gratuite presso un camper sanitario della Croce Rossa