Lungavilla: operaio metalmeccanico ma con un grande sogno, fare l’artista

46

Si chiama “Il mio tempo” il libro di Giacomo Gallo che verrà presentato presso l’Auditorium “Casa del Giovane” di Lungavilla Venerdì 26 Novembre alle ore 21. Il poeta dialogherà con il giornalista Diego Bianchi in una serata che vedrà anche gli interventi musicali di Dario Gravina. Giacomo Gallo ha raccolto le sue poesie in un libretto edito da Agenzia CreativaMente. Classe 1975, nato a a Voghera e cresciuto a Lungavilla, sposato con Irene, Giacomo è un operaio metalmeccanico ma con un grande sogno: fare l’artista. Ci racconta: “Sogno perché forse artista non sarò mai, ma nel mio sognare coltivo le mie tante passioni, tra cui la poesia, con la quale siamo cresciuti insieme, e da qualche anno a questa parte c’è anche la musica, grazie all’amica tromba. Dopo la mia precedente raccolta di poesie “Il Lampione” edita nel 2014, ora è la volta de “Il mio tempo”: qui ho messo storie che non avrei voluto vivere e che per quello che sono non sarebbero dovute esistere, storie lette negli occhi delle persone che ho visto attaccate a loro, storie che vestono i giorni, è di vita che voglio raccontare, storie che possono aiutare altre storie o semplicemente lette per essere dimenticate”. Con questo evento riprendono gli “Incontri con l’autore” in Auditorium “Casa del Giovane” ma nel rispetto delle norme anticovid previste dal vigente Decreto Legge del Governo e che prevedono mascherina, igienizzazione delle mani all’ingresso, distanziamento e Green Pass nei locali al chiuso.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteSanta Maria della Versa: “C’era una volta l’Oltrepò…” di Giuliano Cereghini
Articolo successivoVoghera: sarà la dott.ssa Bossi a dirigere il reparto di “Pediatria e Nido”