“Made in Oltrepò”, la vetrina online delle eccellenze enogastronomiche e non solo, dell’Oltrepò Pavese

264

Valeria Piazza è una giovane imprenditrice nativa di Tortona in provincia di Alessandria ma trasferitasi dopo varie esperienze lavorative in Oltrepò Pavese, ed esattamente a Casanova Staffora. Qui ha saputo creare in tempo di lockdown una piattaforma online per la vendita di prodotti tipici dell’Oltrepò Pavese e molto altro, piattaforma il cui nome è proprio “Made in Oltrepò”. Dalla cantina alla salumeria, dalle birre alla latteria, e poi ancora prodotti dell’orto e del forno, ma non solo, la piattaforma propone anche prodotti di bellezza, oggettistica varia, materiale tessile e racconti, tutti uniti da un fil rouge: l’Oltrepò Pavese. Incontriamo Valeria Piazza dopo aver visionato la piattaforma da lei ideata e spinti da una piacevole curiosità.

Valeria perché ha scelto di vivere a Casanova Staffora anziché tornare a Tortona? «Diciamo che per una serie di circostanze positive mi sono trovata qui e ho deciso di stabilirmi in questo piccolo paese di montagna della Valle Staffora. Nel frattempo ho conosciuto mio marito ed insieme abbiamo capito che questo luogo sarebbe stato l’ideale per la nostra vita familiare. Ora siamo anche genitori di due meravigliosi bambini, Leonardo e Giovanni. Qui tutto scorre un pochino più lento rispetto alla città, ed è in questo territorio che è diventato la mia casa che ho deciso di mettere le radici anche per realizzare questo progetto imprenditoriale».

Veniamo a “Made in Oltrepò”, una sorta di vetrina dei prodotti del territorio. Si può definire così? «Sì certo. Ho creato una specie di vetrina online che raccoglie le eccellenze enogastronomiche e non solo dell’Oltrepò Pavese, nate dalla passione di piccoli produttori, artigiani e agricoltori che hanno investito sulla qualità e sul chilometro zero. Un negozio che si moltiplica in mille altri negozi, un’impresa che da un piccolo paese di montagna può raggiungere infinite destinazioni. L’ho chiamato “Made in Oltrepò” perché i prodotti sono strettamente collegati alla zona dell’Oltrepò Pavese».

Come le è venuta l’idea di questo tipo di attività? «È venuta dal desiderio di coniugare lavoro e famiglia. Non volevo un lavoro qualsiasi e lontano da casa ma uno particolare che mi permettesse di diffondere per quanto mi era possibile i prodotti tipici enogastronomici e anche oggettistica e materiale tessile, tutto creato in queste zone. “Made in Oltrepò” è nato da passione, entusiasmo e determinazione che sono parte del mio carattere».

è partita da un’idea, ma per metterla in partica non sarà stato per niente facile. Da dove ha cominciato? «Ho contattato man mano vari produttori della zona facendo un lavoro abbastanza lungo ma molto interessante e ora sono molto contenta dei risultati. Tutti i prodotti presenti in vetrina nascono da piccole aziende oltrepadane che hanno deciso di puntare sulla qualità: salumifici, cantine vitivinicole, fornai, aziende ortofrutticole, atelier di creazioni tessili, piccole case editrici, produttori di miele, zafferano, birra e latticini. Il mio ruolo è e sarà quello di occuparmi interamente della gestione degli ordini ed essere di supporto per offrire un’esperienza di navigazione il più piacevole possibile e accontentare i clienti più difficili».

Risultati quindi molto soddisfacenti? «Assolutamente sì. Gli ordini sono davvero tanti e in questo modo le aziende possono far conoscere i loro prodotti ovunque, inoltre il fatto che il portale sia molto semplice per gli acquisti, basta infatti un click per aggiungere al carrello il prodotto scelto che verrà poi spedito direttamente a casa, ha incentivato all’acquisto». 

Sappiamo che aggiunge anche un tocco personale ai pacchi che spedisce «Certo, nel momento in cui mi viene richiesto, personalizzo il pacco, per esempio aggiungendo un bigliettino di auguri ed anche un po’ di storia di queste meravigliose colline, un modo semplice in questo complicato momento storico, di abbattere per quanto possibile le distanze, anche solo con un dono a chi è distante».

di Stefania Marchetti

Articolo precedenteQuattro giorni di festa attendono Castelletto di Branduzzo
Articolo successivoGodiasco – Trofeo Pieve San Zaccaria, al via i detentori