MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA – GIORNATE FAI DI PRIMAVERA

395

In occasione delle Giornate FAI di Primavera (15-16 maggio), nel pieno rispetto delle misure di prevenzione Anti-Covid, il Gruppo Giovani e la Delegazione Oltrepò Pavese propongono visite guidate ai parchi delle dimore storiche di Montebello della Battaglia.
Il percorso prevede un itinerario in tre tappe che unisce l’aspetto naturalistico e paesaggistico con la storia risorgimentale. Teatro di una celebre battaglia durante la 2° Guerra di Indipendenza nel 1859 tra le truppe franco-piemontesi e quelle austriache, Montebello è stato anche un luogo di villeggiatura soprattutto a partire dal Settecento quando nobili e notai pavesi e genovesi iniziarono a costruire eleganti dimore con parchi.
Dal belvedere di villa Bellisomi si potrà ammirare la pianura dell’Oltrepò fino a Pavia. Villa Lomellini, invece, intreccia le vicende di una famiglia e di San Luigi Orione e nel suo immenso parco svetta un cedro del Libano secolare. Costeggiando poi il borgo con il
castello Beccaria e la chiesa si giunge a palazzo de Ghislanzoni con il suo giardino pittoresco dal gusto romantico che scende fino alla valle del Coppa. Infine si potrà visitare il sacrario, inaugurato nel 1882 a ricordo dei caduti della celebre battaglia. Il monumento, progettato come un tempio in stile dorico, è circondato dal parco dedicato ai Lancieri di Montebello.
Le visite sono possibili sabato 15 maggio dalle 14 alle 17.30 (ultimo ingresso ore 16.30) e domenica 16 maggio dalle 10 alle 12.30 (ultimo ingresso ore 12.00) e dalle 14 alle 17.30 (ultimo ingresso ore 16.30).
Punto di ritrovo è Villa Bellisomi (sede della Libarna) in via Savonarola 30. È caldamente consigliata la prenotazione del turno di visita (ogni 30 minuti) sul sito www.giornatefai.it. Le visite libere, senza prenotazione, sono limitate a pochi posti per emergenza Covid.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ”

Articolo precedenteVOGHERA – MARINA AZZARETTI:” I NEGOZI SFITTI TRASFORMATI IN VETRINE… A MIO AVVISO NON VA BENE..PER NIENTE BENE…”
Articolo successivoTERRE D’OLTREPÒ – “CARO PRESIDENTE PREFERISCO ESSERE COERENTE E NON MANDARTELE A DIRE” Lettera al Direttore