MONTESEGALE – GRANDI SPERANZE PER L’ESTATE

88

Un po’ tutta la Valle Staffora è interessata a quella che si suppone essere la tendenza della prossima estate, in quanto a vacanze: la ricerca di spazi di tranquillità e bel vivere, dove sia più semplice mantenere il distanziamento sociale rispetto alla città, e sia ridotto il rischio di trovarsi costretti in assembramenti, o semplicemente in luoghi troppo affollati. concentriamoci, questa volta ancora, sul benedetto turismo. Ricerchiamo un po’ di speranza, nelle parole di Carlo Ferrari, sindaco di Montesegale , che su questo punto hanno le idee chiare 

«La crisi ha messo a nudo le fragilità del mondo globalizzato, che, proprio perché troppo interconnesso, ha favorito la diffusione del virus. Potrebbe iniziare un’era di de-globalizzazione turistica, in cui si privilegerà la riscoperta dei piccoli borghi e delle identità locali, si prenderanno in considerazione località che prima non erano in voga, zone tranquille e immerse nella natura, luoghi poco affollati, spazi aperti, anche se con minore offerta di servizi. La ricerca di “spazio” potrebbe essere un nuovo trend, e le aree che prima erano a bassa densità turistica come le nostre potrebbero avere nuovo vigore nei prossimi anni.

Tutto questo dipenderà da noi, dalle nostre comunità. Il turismo del futuro? Come dice Carlo Petrini (Slow Food) da parecchi anni “Parte dai cittadini residenti, dalla loro qualità della vita, dalla capacità di essere felici, dalla loro cura verso la terra che abitano. I turisti arriveranno di conseguenza. Un investimento ancor più necessario dopo l’emergenza coronavirus: la banda larga!».