Oltrepò Pavese – A settembre torna il 4 Regioni Anciennes, un fiore all’occhiello da 19 anni rimato chiuso in un cassetto

316

In occasione del 50° anniversario della nascita del Rally 4 Regioni, anche gli appassionati legati alla Regolarità classica vogliono onorare il “grande Rally” con una manifestazione che in parte percorrerà strade e luoghi rimasti nella memoria storica dei cultori dell’automobilismo del tempo che fu. A promuovere l’evento è il Veteran Car Club Carducci di Voghera che per l’occasione, festeggia i 40 anni dalla nascita, ha rispolverato un fiore all’occhiello da 19 anni rimato chiuso in un cassetto: “il 4 Regioni Anciennes”. Nel panorama italiano dell’automobilismo regolaristico per auto storiche, il Rally 4 regioni Anciennes occupò un ruolo di assoluto rilievo. Nato nel 1984 da una stretta collaborazione tra Siropietro Quaroni presidente dell’Automobile Club Pavia, i vertici del Veteran Car Club Carducci di Voghera, ebbe fin da subito un grande successo. Forse grazie ai suoi paesaggi, forse per il suo percorso altamente tecnico e impegnativo, forse per il nome ricco di tanto blasone e per quei richiami alle imprese dei grandi piloti o forse per quel tocco di raffinata accoglienza e mondanità che così bene seppe fondersi con gli elementi sportivi, romantici e sentimentali o più semplicemente per la sapiente miscela di tutto ciò, che i partecipanti, a fine gara, si ripromisero di tornare all’edizione successiva. Non fu difficile rimanere coinvolti dalla seduzione dell’ambiente, dalla pace, dalla tranquillità dell’elegante parco delle Terme di Salice, dall’emozione, dai colori delle colline battute dal sole, dalle meraviglie naturali del percorso che agirono sul concorrente come un incentivo a inseguire una bellezza che mutava, si arricchiva e si rinnovava ad ogni curva. Organizzato inizialmente con una frequenza biennale, l’allora deus ex machina della manifestazione Paolo Borghi, grande intuitore, proprio come il suo maestro Quaroni per quanto riguardò il rally maggiore, strada facendo, portò alcune importanti innovazioni, tra cui, ciò che si poté allora definire “la prima gara a media”, inserita come cuscinetto a termine della maratona automobilistica e la pubblicazione delle classifiche finali. Il 4 Regioni Anciennes visse sino al 2002 passando da un successo all’altro con regolaristi di spessore giunti a Salice da ogni parte d’Italia e dall’estero: Svizzera, Francia e Germania comprese. Ora coraggiosamente, il Consiglio direttivo del VCCC con a capo Andrea Guerrini, ha deciso di riproporre quella manifestazione ripartendo da zero con l’obiettivo di dare ai propri affiliati ed agli appassionati che vorranno essere della partita, un prodotto di qualità destinato a migliorarsi anno dopo anno. L’evento è in programma per sabato 11 settembre, mentre le iscrizioni, da regolarizzare presso la segreteria del Veteran Car Club Carducci (VCCC) di Voghera, sono aperte da mercoledì 4 agosto. Si tratta di un percorso turistico alla riscoperta di strade e zone che hanno fatto la storia del motorismo internazionale. Luoghi come Salice Terme, Nazzano, Pozzol Groppo, Cecima, Rocca Susella ecc.

PROGRAMMA: venerdi 10/09 dalle 18.00 alle 20.00 pre-accoglienza facoltativa presso la sede del Club in piazza Duomo 70 a Voghera. Sabato 11 settembre dalle 8.30 Accoglienza partecipanti e distribuzione road-bok, gadget e breefing itinerario. La partenza da Piazza Duomo è prevista per le ore 10.00. Un rinfresco è previsto per le ore 13.00 circa. Ripartenza alle ore 14.00. Arrivo attorno alle ore 18.00 presso una bellissima dimora, in prima collina con una vista magnifica sulla pianura. Aperitivo cena e premiazioni. Quote a contributo della manifestazione: SOCI VCC Carducci: Partecipanti 2 PERSONE € 120,00; SIMPATIZZANTI: Partecipanti 2 PERSONE € 150 ,00. Accompagnatore in più € 50,00. La quota comprende: –  Rinfresco – Cena – Materiale promozionale. Termine Iscrizioni martedì 07 settembre. Iscrizioni tetto massimo 40 auto Partecipanti. La manifestazione rispetterà le direttive anti Covid-19.

di Piero Ventura

Articolo precedenteOltrepò Pavese – “Pesche al forno, dolce tipico delle nostre nonne per l’estate” di Gabriella Draghi
Articolo successivoOltrepò Pavese – Ai politici locali non è chiara la differenza tra marketing, pubblicità e promozione