Oltrepò Pavese – ATS Pavia ha attivato il “Piano caldo 2021”, con azioni e consigli utili soprattutto a tutela delle persone più fragili, anziani e bambini

124

Con l’arrivo dell’estate e l’esplosione di caldo degli ultimi giorni, ATS Pavia ha attivato il “Piano caldo 2021”, con azioni e consigli utili soprattutto a tutela delle persone più fragili, anziani e bambini. Informazioni utili, dunque, per prevenire gli effetti conseguenti ondate climatiche caratterizzate da elevate temperature ambientali. “Abbiamo programmato il mantenimento e il potenziamento dell’assistenza domiciliare integrata (ADI), con particolare riguardo alle attività dedicate agli anziani tra cui prestazioni infermieristiche, riabilitative e assistenziali. L’attività di prevenzione è fondamentale e, anche per quest’estate, deve tener conto dei rischi legati a Covid-19, ponendo particolare attenzione nei riguardi delle persone maggiormente vulnerabili agli effetti del virus e del caldo. Altrettanto importante è adottare stili di vita adeguati e sapere come comportarsi in caso di colpo di sole e collasso da calore” spiega il direttore generale Mara Azzi. Per venire incontro ai cittadini nelle giornate più calde, ATS Pavia ha messo a disposizione il numero verde 800 034933 (opzione 3) attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00, oltre alla casella di posta emergenzacaldo@ats-pavia.it. Inoltre, sul sito web e sui canali social sono disponibili tutte le informazioni relative ai sintomi legati alle alte temperature e i consigli per la popolazione generale, la popolazione a rischio per condizioni di salute o ambientali, anziani, donne in gravidanza, bambini e lattanti, lavoratori all’aperto e animali d’affezione. Ai soggetti assistiti con voucher sociosanitario o con prestazioni infermieristiche occasionali e ai loro famigliari, vengono fornite informazioni per affrontare al meglio l’emergenza caldo. L’azione è svolta sia dal personale dell’ASST (valutatori ed erogatori di prestazioni infermieristiche occasionali), sia dai Soggetti Accreditati che erogano le prestazioni di assistenza domiciliare integrata a domicilio. Viene infine monitorata la situazione clinica da parte degli operatori che assistono i pazienti a domicilio, con tempestiva segnalazione al Medico di Medicina Generale di aggravamenti o insorgenza di sintomi sospetti o nuovi eventi. Fondamentale quindi la stretta collaborazione tra ATS, Amministrazioni locali e Medici di medicina generale per attuare azioni di prevenzione, monitoraggio e mitigazione delle conseguenze. Infine, si ricorda che è disponibile una applicazione (APP) per dispositivi elettronici “mobile” denominata “Caldo e Salute” messa a punto dal Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute del Ministero della Salute – CCM. Per maggiori informazioni: https://www.ats-pavia.it/

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ”

Articolo precedenteBroni – Giusy Vinzoni: “Sicurezza, il Sindaco non sa che pesci prendere”
Articolo successivoVoghera – Campagna on line per il risparmio idrico. Iniziativa di Asm per ridurre lo spreco d’acqua