OLTREPÒ PAVESE E LA PASQUA CHE NON C’È, POCA GENTE E POCHI LOCALI APERTI MA DESERTI

346

Splende un sole amaro sulla Pasqua dell’Oltrepò Pavese. “Lo vedi non passa una persona!” esclama tagliente un titolare di un bar di Salice Terme. Sarebbe stata un giornata splendida, il test per la stagione estiva, purtroppo però a causa delle attuali restrizioni nazionali e regionali, anche questa domenica di Pasqua 2021 presenta nuovamente uno scenario di tristezza e amarezza. Contrastato con forza dalla tenacia, e dalla dedizione per il proprio lavoro, degli esercenti che hanno potuto aprire i loro locali. Praticamente azzerata la presenza di turisti, poche le presenze anche di quelli che avrebbero avuto le carte in regola per recarsi alla loro seconda casa. Bar, ristoranti e gelaterie costretti ad affrontare questa giornata, che sarebbe stata il preludio della stagione estiva, come un normale giorno da zona rossa. Con qualche eccezione sia in positivo che in negativo: per chi oggi, visto il giorno di festa, ha ottenuto maggiori prenotazioni d’asporto, per il medesimo motivo c’è chi perde anche la clientela fissa dei lavoratori.

Articolo precedenteVINO ADULTERATO E TERRE D’OLTREPÒ : “CARO PRESIDENTE, SE VUOI VERAMENTE BENE ALLA TUA AZIENDA VALUTA DI FARTI DA PARTE” Lettera al Direttore
Articolo successivoSTRADELLA – “A PROPOSITO DI “VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO..” REALIZZAZIONE DI UN BIODIGESTORE AD ARENA PO