Oltrepò Pavese – I segretari del PD di Varzi e Rivanazzano Terme chiedono attente istruttorie sulle richieste autorizzative 6 Giorni Internazionale Enduro

148

“Alla vigilia di una rilevante iniziativa sportiva come il mondiale di Enduro che si svolgerà anche sul territorio montano dell’Oltrepo Pavese, – informano con una nota stampa i segretari dei circoli PD di Varzi e Rivanazzano Terme, Luca Rossi e Stefano Alberici –  si sta aprendo un confronto tra chi coglie i vantaggi della iniziativa, come vetrina territoriale e portatrice di indotto e chi crede non possa essere compatibile con la presenza di un ambiente ricco di aree di pregio naturalistico, incorrente con una idea di sviluppo che ha reso possibile la realizzazione di infrastrutture come la rete sentieristica della Comunità Montana Oltrepò Pavese e della greenway. Tutto ciò in presenza di Enti come Comunità Montana Oltrepò Pavese e Regione ai quali spetta l’onere di autorizzare la manifestazione per quanto di propria competenza, che hanno abdicato ad una comunicazione istituzionale per chiarire ai cittadini aspetti formali e sostanziali, ed ancora ad oggi non hanno risolto il problema dell’utilizzo non regolamentato di sentieri e strade rurali di moto e fuoristrada, generando cosi in alcuni apprensione e preoccupazione. I circoli del PD di Varzi e Rivanazzano terme, ritengono che nell’interesse comune le diverse posizioni possano essere mediate cogliendo le opportunità offerte dalla manifestazione, nel rispetto delle peculiarità territoriali e della normativa vigente in materia. Chiedono alle istituzioni preposte Regione e Comunità Montana Oltrepò Pavese che conducano attente istruttorie sulle richieste autorizzative che saranno al vaglio, escludendo la percorrenza delle zone ad alta valenza naturalistica definite dal ptcp provinciale. Che nella negoziazione delle compensazioni secondarie vi sia il massimo ritorno possibile per le comunità locali sia in termine di realizzazione di opere che di promozione del territorio. Che la CMOP approvi quanto prima un regolamento con un itinerario definito, per il futuro, utilizzabile per gli sport motociclistici contribuendo così a risolvere la problematica dell’ uso indiscriminato del nostro territorio.”

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteBroni – L’amministrazione comunale ha raggiunto un equilibrio di bilancio con un avanzo che sfiora i 400mila euro
Articolo successivoVoghera – La quindicenne Marta Ravetta è campionessa italiana