OLTREPÒ PAVESE – «SIAMO ODIATI IN MOTO PER IL RUMORE E TOLLERATI IN BICI» lettera al Direttore

153

“Gentile Direttore, sono di Lodi, ho 60 anni e frequento l’Oltrepò da una vita, come ciclista, sia su strada, che MTB e dedico dalle 35 alle 45 ore settimanali del mio tempo ad allenare ragazzi di una società ciclistica lodigiana, ma sono anche un appassionato e praticante motociclista, con due figli che hanno corso come me in moto oltre che in bici. Ho sempre insegnato, e lo faccio tutt’ora, a rispettare tutti e ad essere educati, lo insegno ai mie figli e ai ragazzi che alleno, basta poco… Rispetto ed educazione per convivere tutti, e poter godere dei piaceri dei sentieri con serenità, sia in moto che in bici. Purtroppo i maleducati sono sia in moto che in bici e anche a piedi, noi enduristi, siamo quelli che spesso puliamo e teniamo i sentieri in ordine, lo stesso fanno i cacciatori, così come i biker, ma purtroppo siamo odiati in moto per il rumore e tollerati in bici, però ho visto spesso pedoni gettare carte sui sentieri e sacchetti lasciati sul posto dopo una camminata, ma loro non alzano polvere, non fanno rumore, sporcano in silenzio…. Quindi alla fine è e sarà sempre questione di EDUCAZIONE, sia per enduristi, biker, che per escursionisti a piedi. Roberto Ferrari – Lodi”

INVIATE LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : DIRETTORE@ILPERIODICONEWS.IT