OLTREPÒ PAVESE – VACCINI COVID: ACCORDO PER SOMMINISTRAZIONI IN FARMACIA

261
FARMACISTA FARMACIA EMERGENZA CORONAVIRUS, I LAVORATORI CHE NON SI FERMANO ITALIA ZONA ROSSA LAVORATORE LAVORATRICE PERSONA AL LAVORO CHE LAVORA PERSONE CHE LAVORANO COVID19 COVID 19 CON MASCHERINA MASCHERINE PERICOLO SANITARIA ANTI CONTAGIO ANTICONTAGIO ANTIVIRUS STERILE CHIRURGICA CHIRURGICHE STERILI

La giunta regionale della Lombardia ha approvato un accordo con Federfarma Lombardia, Assofarm/Conservizi Lombardia e Federazione Regionale Ordini dei Farmacisti che disciplina le modalità di partecipazione delle farmacie lombarde alla campagna di somministrazione per l’anno 2021 dei vaccini anti-Covid, e prevede l’impegno, da parte delle farmacie, a partecipare in via sperimentale alla chiusura della campagna antinfluenzale 2020-21. “Sappiamo quanto è importante oggi il ruolo che le farmacie svolgono nella nostra regione e anche nel nostro Paese.Si tratta di realtà sempre più aggiornate e performanti. Per questo motivo Regione ha ritenuto che possano svolgere un efficace ruolo in prima linea come altre realtà sanitarie, somministrando nelle loro sedi i vaccini anti-Covid”, ha spiegato in una nota il vicepresidente della Regione e assessore al Welfare Letizia Moratti.
L’accordo prevede la fornitura di dosi vaccinali alle farmacie da parte delle Ats/Asst e la successiva somministrazione nelle farmacie aperte al pubblico sotto la supervisione di medici, assistiti se necessario, da infermieri o da personale sanitario opportunamente formato. Le farmacie, inoltre, si impegnano a partecipare in via sperimentale alla chiusura della campagna antinfluenzale 2020-21, previa autorizzazione Aifa per la somministrazione dei vaccini anti-influenzali. Ogni farmacia riconosce il centro vaccinale della Asst del distretto come riferimento per la gestione delle casistiche complesse ovvero della necessità di vaccinazione in ambiente protetto. La Regione riconoscerà alle farmacie 6 euro per ogni dose somministrata

Articolo precedenteUn tour su Voghera
Articolo successivo“AL MÄTERASÈ”, IERI E OGGI. C’era una volta l’Oltrepò di Giuliano Cereghini