OLTREPÒ PAVESE – VINO, PRODUZIONE LOMBARDIA + 20%

120

I dati della campagna vendemmiale 2020, le azioni di Regione Lombardia a sostegno del settore con l’iniziativa #iobevolombardo e, più in generale, dell’agroalimentare. Questi, insieme a un quadro più dettagliato della situazione ricostruito attraverso le testimonianze dei rappresentanti del settore vitivinicolo e al collegamento video con il presidente dell’Associazione Italiana Sommelier-Lombardia, Hosam Eldin, gli argomenti affrontati dall’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi. Perché affrontare il tema dell’annata vinicola in un momento così difficile per la Lombardia e per il Paese, ancora alle prese con il contrasto alla diffusione del coronavirus? Anche se la guerra contro la pandemia non si ferma, l’economia deve trovare nuovi spazi e modalità per andare avanti. E in tema di economia, va ricordato che la Lombardia è la prima regione agricola d’Italia e la seconda in Europa. “Parlando di economia in Lombardia – ha sottolineato l’assessore Rolfi – non possiamo omettere l’agricoltura, con un valore della produzione agricola regionale di 7.8 miliardi di euro su 57 miliardi totali a livello nazionale e quello della trasformazione è di 3.6 miliardi di euro sui 31 italiani”. Un’affermazione condivisa dal presidente dell’Ais Lombardia, Hosam Eldin. “Pensiamo sempre a una Lombardia come terra di industria – ha detto – ma dobbiamo ricordare il grande apporto economico dell’agricoltura, vini compresi”. I numeri del mondo del vino in Lombardia sono davvero eccezionali. Con 5 DOCG, 21 DOC e 15 IGT. E un export vino che valeva 284 milioni di euro nel 2019. A questi si aggiungono i dati sulla coltivazione della vite che parlano di 2.989 aziende e 21.468 ettari. “La pandemia – ha sottolineato l’assessore – ha fortemente inciso sul comparto vitivinicolo, per via della chiusura imposta al mondo della ristorazione, uno dei canali principali di sbocco della produzione delle cantine lombarde. Abbiamo infatti un +20% di produzione nell’annata 2020 rispetto a quella 2019 – ha spiegato – con la difficoltà a trovare sbocchi sul mercato a questa produzione che, peraltro, è di elevata qualità”. “Il vino è la carta di identità di un territorio, ne è elemento identitario e lo racconta totalmente – ha aggiunto – abbiamo deciso di riproporre nei prossimi mesi la misura #iobevolombardo che prevede la distribuzione di voucher per promuovere il vino lombardo nelle carte dei ristoranti. Con questa misura sosteniamo sia le cantine che i ristoratori. Stiamo incentivando l’export perché è necessario essere pronti a penetrare nuovi mercati esteri difendo i nostri prodotti da agropirateria e italian sounding”. La differenza di produzione in ettolitri tra annata 2020 e 2019 di vini suddivisa per etichetta e per DOCG, DOC e IGT.

DOCG
Franciacorta +43,57
Oltrepo’ pavese metodo classico +34,19
Scanzo o Moscato di Scanzo +6,79
Sforzato di Valtellina +17,53
Valtellina Superiore +25,57

DOC
Bonarda dell’Oltrepo’ Pavese +2,54
Botticino +8,73
Buttafuoco dell’Oltrepo’ Pavese +19,95
Capriano del Colle +41,74
Casteggio +88,70
Cellatica +6,48
Curtefranca -1,34
Garda +16,04
Garda Colli Mantovani +1,24
Lambrusco mantovano +2,37
Lugana +4,11
Oltrepo’ Pavese -0,89
Oltrepo’ Pavese Pinot Grigio -2,53
Pinot Nero dell’Oltrepo’ Pavese -26,96
Riviera del Garda classico +9,85
San Colombano al Lambro -15,71
San Martino della Battaglia -13,18
Sangue di Giuda dell’Oltrepo’ Pavese -9,51
Terre del Colleoni o Colleoni +48,32
Valcalepio +16,01
Valtellina rosso o rosso di Valtellina -23,75
Valtenesi +0,91

IGT
Alto Mincio +39,87
Benaco Bresciano +14,80
Bergamasca 45,36
Collina del Milanese -4,30
Montenetto di Brescia +10,11
Provincia di Mantova -0,96
Provincia di Pavia +20,28
Quistello -5,10
Ronchi di Brescia -19,74
Ronchi Varesini -21,72
Sabbioneta +2,95
Sebino -9,80
Alpi Retiche +27,25
Terrazze Retiche di Sondrio +27,57
Terre Lariane +21,86
Valcamonica +5,99