OLTREPÒ PAVESE – VOGHERA – LIMITI DI VELOCITÀ : «È COMPLICATO STABILIRE UN LIMITE CORRETTO E RAGIONEVOLE» lettera al Direttore

46

“Egregio Direttore, ogni giorno per lavoro mi reco a Pavia ed alla sera facendo il percorso inverso ritorno a casa a Voghera, spesso ci impiego oltre un’ora minuti, 60 minuti per fare 30 km… una media da bicicletta di 30km all’ora. Questo è dovuto agli assurdi limiti imposti. Nelle ore di traffico intenso, questi illogici limiti, uniti agli autovelox provocano incolonnamenti, prima del ponte del Po, che spesso si traducono addirittura in arresti del traffico, uno stress continuo soprattutto dopo una giornata di lavoro.

Mio padre, mi dice che negli anni 70/80/90 i limiti erano di 90km/h e 50 nei tratti abitati, eppure allora le auto erano meno sicure di oggi, avevano spazi di frenata di gran lunga maggiori, ma poi, siamo davvero certi che a minor velocità corrisponda minor rischio? Ci sono studi che affermano esattamente il contrario, in Germania giusto per fare un esempio eclatante, si è scoperto che nelle autostrade la maggior velocità implica maggior concentrazione e minori rischi, difatti le autostrade per la maggior parte della loro percorrenza sono senza limiti.

Non so chi decida sulle nostre statali i limiti imposti, forse l’Anas o la prefettura, resta il fatto che spesso sono limiti che rasentano il ridicolo, è facile imporre un limite di 30 o 40 km/h, ma è molto più complicato stabilire un limite corretto e ragionevole, ovvero un limite che offra sicurezza ed allo stesso tempo tenga presente anche delle esigenze degli automobilisti. È intollerabile, frustrante e stressante impiegare oltre 60minuti per fare 30 km, qualcuno ponga rimedio, magari inserendo limiti ragionevoli che tengano conto della sicurezza, ma anche della salute mentale di chi guida.

Marco Colombi – Voghera”

INVIATE LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : DIRETTORE@ILPERIODICONEWS.IT