PRIMO GIORNO DI LIBERTÀ DA “ZONA GIALLA” CODE DI AUTO A VARZI AL BRALLO E AL MONTE PENICE

444

Primo giorno di libertà da “zona gialla” e il nostro Oltrepò sembra quello degli anni ’90, quando c’era la coda di auto che da Varzi saliva per il Brallo o il Monte Penice, per poi la sera della domenica trovare le stesse auto in fila che scendevano per Voghera o il basso Oltrepò. Tre ore di coda, vuoi la neve abbondante scesa nell’ultimo week end vuoi che la gente di fare le vasche a Milano – dopo le scene per molti “preoccupanti” – del Duomo e limitrofi con assembramenti, che i vogheresi e gli oltrepadani in genere hanno riscoperto le nostre montagne. Ciaspolate, discese con il bob o semplicemente camminate tra la neve –  visto che gli impianti non sono aperti –  e il Brallo, il Monte Penice e Bobbio se parliamo della vicina Emilia Romagna, sembrano diventate  dopo settimane di clausura, un miraggio. Non sono mancati i controlli di Carabinieri, Corpo Forestale  e guardie ambientali volontarie  che hanno vigilato sul rispetto delle norme anti – Covid. A rendere tutto più complicato purtroppo un brutto incidente verificatosi in Località Sassi Neri con due feriti gravi, di cui un minorenne

Articolo precedenteLA MANO DELLA SOLIDARIETA’: DAL COMUNE DI TORRAZZA COSTE A V.O.S.
Articolo successivoOLTREPÒ PAVESE -RIAPERTURE E CODE NEI RISTORANTI E PER GLI APERITIVI