PROGETTO EUROPEO MACVILLAGE: LA PRIMA TAPPA IN OLTREPÒ PAVESE VERSO LA CONCLUSIONE

87

Si avviano alla conclusione i laboratori locali di innovazione realizzati nell’ambito del progetto “MaCVillage – Make Creative Villages – InitiateCooperationbetween CCI and Villages”. Dopo 3 workshop in presenza rivolti alle imprese tradizionali (a Rocca Susella, Borgoratto Mormorolo e Borgo Priolo) ad inizio autunno 2020, la pandemia che già aveva procrastinato l’avvio degli incontri (inizialmente previsto a febbraio 2020) ha costretto gli organizzatori a ‘spostarsi’ on line. Il secondo e terzo ciclo di laboratori, rivolti anche alle imprese creative, si sono svolti sulla piattaforma Zoom e con l’ausilio dell’app Mirò, una sorta di lavagna multimediale per lavorare insieme da remoto. L’ultimo incontro è in programma proprio mercoledì 17 febbraio e prevede la presenza di aziende e istituzioni locali. Negli incontri precedenti sono state coinvolte oltre 30 imprese locali (sia tradizionali che creative), che si sono avvicendate portando il proprio contributo per la creazione di diversi progetti che potranno essere successivamente candidati al finanziamento. L’emergenza sanitaria Covid-19 ha inevitabilmente portato a una serie di aggiustamenti in corso d’opera, sia nella compagine delle imprese aderenti che nel territorio di riferimento. L’area pilota era inizialmente ristretta al territorio dell’Unione dei comuni lombarda borghi e valli d’Oltrepò (Montesegale, Rocca Susella, Borgoratto Mormorolo e Borgo Priolo) ma, dopo l’accordo tra l’Associazione Borghi autentici d’Italia e il capofila tedesco del progetto (l’incubatore di imprese Tgz), è stato deciso di estendere alle imprese dei Comuni limitrofi l’invito a partecipare. Sono quindi entrati a far parte dell’area di sperimentazione i Comuni di Cecima, Calvignano, Ponte Nizza, Codevilla e Colli Verdi. Nel percorso alcuni progetti si sono trasformati, altri sono stati abbandonati mentre altri ancora stono arrivati fino ad oggi. Tra questi, mercoledì a partire dalle 16.00, ne saranno presenti due, uno legato al turismo esperienziale in Oltrepo’ Pavese e alla creazione di un brand che identifichi questa nicchia di mercato in continua espansione e un altro denominato “Vivere l’Oltrepò”, dedicato al miglioramento della qualità della vita nei territori rurali. Il progetto MaCVillage, finanziato dal programma Interreg Central Europe,  sta svolgendo le proprie attività anche nelle altre regioni europee aderenti (Germania, Austria, Slovenia e Ungheria). A portarlo avanti sono attori pubblici e privati, tra cui figurano Università , incubatori d’impresa, agenzie di sviluppo regionale e associazioni di Comuni come Borghi Autentici d’Italia. L’obiettivo del progetto è quello di aiutare le aree rurali, sempre più spopolate e sottosviluppate rispetto a quelle urbane, a trovare nuove opportunità di crescita grazie al concetto di “innovazione frugale”, ovvero l’arte di fare di più con meno. Per i territori rurali, che spesso rischiano di restare al margine dei processi di innovazione delle imprese a causa della loro lontananza dai centri urbani, le imprese culturali e creative (ICC) possono infatti giocare un ruolo di primaria importanza nella valorizzazione del tessuto produttivo locale e, più in generale, nella valorizzazione di un intero territorio.