Salice Terme – «Povera Salice, diventata intollerante a tutto» Lettera al Direttore

541

“Al direttore, Povera Salice che ha visto fallire le Terme, povera Salice che ha visto decimate attività commerciali, povera Salice che (basta fare un giro per il paese) conta meno di Godiasco, certamente più curata e pulita, povera, povera, povera… L’elenco delle “disgrazie” è ahimè lungo, ma c’è una disgrazia “gratuita” che proprio fatico a capire: l’intolleranza smisurata, illogica e appunto gratuita di alcuni salicesi ma soprattutto di alcuni salicesi, per fortuna pochissimi, che hanno attività commerciali, quelle poche rimaste. Vi racconto ciò che ho visto con i miei occhi e che la dice lunga sull’intolleranza che regna a Salice. 10.00 del mattino, una giovane signora sale sulla propria auto parcheggiata davanti ad un noto locale di via delle Terme, chiuso al pubblico e dove i titolari stanno innaffiando, pulendo e quant’altro, apro parentesi, per fortuna che la signora scesa per andare a prendere il giornale ha parcheggiato da manuale e quindi non criticabile anche per questo. La signora accende l’auto per partire, ma ahimè si attarda per non più di 30-40 secondi. Arriva uno dei titolari del noto locale salicese che le bussa al vetro e le dice che la sua auto dà fastidio, l’odore dello scarico e il rumore sembrano proprio aver urtato l’esercente, nonostante fosse munito di mascherina (consiglio anche i tappi il prossimo giro…) Non vi descrivo l’auto ma vi posso assicurare che era una comune berlina. Ora capite  che qui non si parla di schiamazzi notturni, di auto che sfrecciano ad alta velocità, di un problema di ordine pubblico e chi più ne ha più ne metta, qui un titolare di un locale ha notato ed ha fatto notare un’auto parcheggiata ed accesa e che non è partita subito. Ora vorrei dire al noto titolare, a fratelli, sorelle e genitori compresi che la prossima volta che trovo decine di persone in coda sul marciapiede che attendono di potersi sedere ai loro tavoli, farò loro notare che con la loro attività stanno ostruendo un luogo di passaggio e che il marciapiedi è di tutti.  Sarà anche questo atteggiamento colpa del Covid? Lettera Firmata – Salice Terme” Nella presente “Lettera al Direttore” la firma è stata sostituita dalla locuzione “Lettera firmata”, come da richiesta del Mittente.  La Redazione ha verificato le generalità del Mittente come da leggi vigenti dell’editoria – INVIATE LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : DIRETTORE@ILPERIODICONEWS.IT 

Articolo precedenteBroni – Avis: «Il nostro ambizioso progetto è di arrivare a 1000 sacche all’anno»
Articolo successivoOltrepò Pavese – Torrazza Coste «Penso sia la volta buona per il rilancio di Riccagioia, o almeno me lo auguro»