Santa Margherita di Staffora – Il Comune si rifà il look, tanti interventi su quasi tutte le frazioni

211

È trascorso poco più di un anno dal primo lockdown che, inutile dire, ha complicato la vita a tutti noi. Abbiamo fatto un giro nei paesini dell’alta valle Staffora, per fare il punto sulla situazione. Abbiamo voluto incontrare Andrea Gandolfi, sindaco di Santa Margherita di Staffora che può meglio illustrare la situazione attuale delle varie frazioni del suo Comune.

Un anno fa si sentiva come il padre di una grande famiglia, per la quale sperava una soluzione della pandemia e una ripresa economica. Ci può dire quali sviluppi ci sono stati da allora ad oggi? Che cosa è cambiato nel frattempo? «Intanto devo dire che provo ancora le stesse sensazioni, mi sento sempre come il padre di una grande famiglia che è il territorio comunale con i suoi cittadini e i conti con la pandemia non sono ancora finiti. Certamente la situazione si è evoluta, conoscendo meglio il virus e adottando le giuste misure per proteggerci, controlliamo meglio la paura. La sfida è intensa, stiamo vivendo un momento molto delicato con le vaccinazioni in corso e finalmente abbiamo gli strumenti giusti per uscire dal tunnel del Covid. Con il Presidente e alcuni sindaci della Comunità Montana dell’Oltrepò Pavese abbiamo individuato e siamo riusciti a far riconoscere da Ats Pavia l’hub vaccinale della Comunità Montana presso la casa dei servizi in Piazza della Fiera a Varzi, in modo di far confluire per la vaccinazione la popolazione residente dei comuni dell’alta valle. A questo proposito vorrei ringraziare l’Amministrazione Comunale di Varzi per aver messo a disposizione la struttura per questa importante iniziativa, tutti i medici di base, i volontari della protezione civile, e tutte le persone e le associazioni di volontariato intervenute nell’ operazione; in particolare il Signor Gabriele Indolenti, coordinatore e responsabile del Centro Operativo Comunale di Varzi, il quale insieme ai suoi collaboratori si è impegnato notte e giorno per l’organizzazione e la riuscita di tutto ciò. Questa iniziativa ha reso più facile ai cittadini ricevere la vaccinazione, senza essere costretti ad andare in centri più lontani così da limitare il più possibile gli spostamenti. Per quanto riguarda il nostro ufficio comunale, dobbiamo ringraziare sentitamente la signora Maura Telefoni, che si è prodigata contattando ogni singolo cittadino per le prenotazioni del vaccino ».

Riguardo ai problemi per quanto concerne l’economia di questa zona cosa ci può dire? «La situazione economica è andata di pari passo con la pandemia e con il lockdown, il turismo, che è una delle risorse principali, è venuto ovviamente a mancare, ma la crisi economica ha colpito tutte le nostre attività commerciali e artigianali, le quali saranno assistite con una forma di ristoro attraverso un bando comunale che vedrà  nei prossimi mesi l’erogazione del contributo previsto da tale bando; l’Amministrazione Comunale è inoltre intervenuta a sostegno delle nostre attività sgravando la tassa rifiuti dell’ anno 2020 del 30% impegnando risorse derivanti dal bilancio comunale».

Durante il lockdown, nel suo comune si è formata una nuova associazione no profit, aggiungendosi a quelle già esistenti. Un segno chiaro e forte che i suoi concittadini tengono molto al territorio in cui vivono ma si sarebbe mai aspettato una simile sorpresa in tempo di pandemia? «Non in questo momento. Sono rimasto molto contento e colpito da una reazione così positiva in un clima di repressione, mentre in effetti tante cose non si possono fare. Invece la gente sta dimostrando uno spirito forte e voglia di guardare oltre. Quindi ben vengano queste associazioni che portano nuova linfa, forza motrice e incentivano la valorizzazione del territorio»

Tanti lavori in corso e cantieri aperti nel suo Comune, un altro buon segno di ripresa? «Il Comune, attingendo ai vari finanziamenti e bandi ministeriali e regionali sta realizzando e progettando una serie di interventi strategici e strutturali sul patrimonio comunale, realizzando interventi in quasi tutte le frazioni del Comune, sugli immobili e le infrastrutture comunali, cimiteri e aree gioco e sul territorio in generale con azioni volte ad arginare situazioni di dissesto idrogeologico. Qui a Casanova abbiamo trasformato il vecchio campo da tennis, in un campo da calcetto , ragazzi e adulti potranno usufruire di una struttura completamente rinnovata, inoltre è in corso la ristrutturazione del centro polifunzionale e se finanziata nel corso dell’anno verrà urbanizzata l’area in entrata del paese, la piazza interna e l’ immobile dell’ ex cooperativa di proprietà comunale. A Massinigo, abbiamo potuto realizzare una piazzetta adibita a parcheggio con uno spazio verde e sono in corso d’opera i lavori di ristrutturazione sulla Fornace Romana. A Cegni è stata realizzata un’isola ecologica a impatto ambientale zero e a Casale Staffora, rifaremo tutta la via centrale rendendola appropriata al contesto di paese di montagna. Saranno effettuati interventi di risanamento sulla strada in entrata della frazione di Santa Margherita e sulle strade in entrata della frazione Negruzzo e successivamente sulla comunale che collega quest’ultima alla frazioni di Casale Staffora; sono previsti interventi anche su alcune strade agro-silvo- pastorali. Altro intervento importante sarà il rifacimento del ponte sul fosso di Vendemiassi, per il quale Regione Lombardia ha stanziato la somma di 600mila euro».

È noto che alcuni comuni in Italia, allo scopo di ripopolare il proprio territorio, vendono case alla simbolica cifra di un euro, c’è la possibilità che anche Santa Margherita di Staffora prenda in considerazione un’idea simile? «No, al momento non ci sono i presupposti. Però nel penultimo consiglio comunale, abbiamo adottato la legge della Regione Lombardia sulla rigenerazione urbana che ci permette di scontare del 25% gli oneri sugli interventi di efficientamento energetico. Una bella possibilità sicuramente da sfruttare per tutti quelli che vogliono ristrutturare gli immobili».

di Stefania Marchetti

Articolo precedenteStradella – “Nidi Gratis” è un aiuto concreto per chi ha bambini piccoli
Articolo successivoVoghera – Inaugurazione del recupero dell’affresco della Madonna del Soccorso in Duomo