SILVANO PIETRA “LE NOSTRE ATTIVITÀ COMMERCIALI SONO IN FORTE CALO RISPETTO AL PASSATO”

73

Luciano Antonio Calderini, eletto sindaco di Silvano Pietra alle scorse elezioni comunali del 2015 ci parla della situazione generale del suo comune e i rapporti con le realt? limitrofe.

Sindaco Calderini, la situazione attuale del comune di Silvano Pietra rispecchia quella dei piccoli comuni del nostro Paese?

“Purtroppo sì, non è una bella situazione. I finanziamenti che lo Stato eroga ai comuni sono in diminuzione, quindi le piccole realt? come la nostra sono in grossa difficolt? . Riusciamo a stento a svolgere i servizi necessari e obbligatori, cioè la spesa corrente necessaria al funzionamento del comune e qualche altro minimo intervento”.

Le attivit? commerciali del suo comune hanno risentito di questa situazione?

“In parte sì, purtroppo anche le nostre attivit? commerciali sono in forte calo rispetto al passato. Era presente un negozio di alimentari con la licenza tabacchi che purtroppo ha chiuso. Abbiamo però l’edicola, che provvisoriamente è collocata nello stabile del Municipio, che verrò spostata nel locale dell’ex negozio di alimentari, da cui erediter? la licenza tabacchi. È gestita da un ragazzo giovane e volenteroso, quindi speriamo di riuscire ad incrementare l’attivit? e a portare più gente, contando sul fatto che è l’unica edicola rimasta tra il nostro comune e quelli di Casei Gerola e Corana. Come altre attivit? presenti, abbiamo i capannoni nella strada verso Corana, si tratta di una ditta metalmeccanica e di una di logistica e trasporti. Per ora stanno bene, con la speranza che riescano a resistere anche in futuro. Da ultimo abbiamo la fonderia Imic che è qui da molti anni e fa parte di un gruppo tedesco. E poi contiamo sulla riapertura della Diaspa e dell’ex Italiana Pellet di Corana, per le quali speriamo vengano riassunti tutti i dipendenti residenti nel nostro comune”.

Silvano Pietra è un comune fortunato dal punto di vista logistico, essendo vicino all’autostrada per Milano ed essendo al centro di due importanti strade provinciali di collegamento. Questo può essere un vantaggio dal punto di vista commerciale, turistico e culturale?

“Io credo proprio di sì, anche perché il nostro comune è ricco di luoghi di interesse. Abbiamo la chiesa principale che ospita affreschi e quadri di pregio, poi c’è l’oratorio presente in un’altra piccola chiesa che è molto interessante dal punto di vista storico e artistico. Inoltre abbiamo due quadri di Lucrezia Quistelli, una delle migliori ritrattiste del XVI secolo a detta di Giorgio Vasari e un dipinto del Procaccini che ritrae San Carlo Borromeo, presente sopra la porta d’ingresso della chiesa e restaurato di recente. Noi cerchiamo di valorizzare costantemente le nostre bellezze anche con l’organizzazione di eventi per cercare di portare più gente possibile. Recentemente abbiamo avuto contatti con il Touring Club di Pavia che si è offerta di mandare propri volontari per organizzare eventi legati alla promozione di questi nostri beni”.

A proposito di organizzazione di eventi, per i giovani avete pensato a qualche attivit? in particolare?

“Per i giovani noi disponiamo di un centro polifunzionale con un campo da calcio, una palestra e un campetto. Bisogna in ogni caso tener presente che siamo una realt? di 700 abitanti, con pochi giovani. Purtroppo non abbiamo la presenza di un Parroco fisso, figura che nei piccoli comuni come il nostro è fondamentale per l’aggregazione e l’organizzazione di attivit? legate ai giovani. Il comune purtroppo non ha personale qualificato da dedicare a queste attivit? “.

Qual è il vostro rapporto con i comuni limitrofi?

“Noi siamo in Unione con i comuni di Corana e di Cornale – Bastida. L’unione con Corana va avanti gi? da parecchio tempo, con Cornale – Bastida da quando è avvenuta la fusione dei due comuni. In ogni caso l’Unione stiamo cercando di avviarla, e ciò non è facile. Abbiamo alcuni servizi in comune, tra cui una parte di personale. Insieme stiamo pensando ad un provvedimento per la Protezione Civile perché la legge ce lo impone. Stiamo quindi approntando un regolamento dell’Unione e stiamo cercando appoggi da entit? e Comuni esterni, come quello di Sannazzaro, la cui Protezione Civile è un gruppo consistente oltre che vicino a noi. Però è ancora tutto in fase preliminare”.

Secondo lei, l’Unione fra comuni può portare dei vantaggi?

“Credo proprio di sì, perché il rinnovamento dei servizi che attueremo sar? possibile grazie a maggiori forze a disposizione e a minori costi da affrontare”.

Parliamo di sicurezza. A Silvano ci sono stati diversi episodi negativi da questo punto di vista, soluzioni?

“La sicurezza è un grosso problema. Da noi ci sono stati episodi negativi, da ultimo un furto di cavi elettrici che per fortuna non ha portato grossi danni a noi come comune. Per ovviare a questa problematica, come Unione abbiamo partecipato a un bando regionale per ottenere dei finanziamenti che speriamo ci vengano riconosciuti per incrementare il sistema di sorveglianza. Attualmente siamo dotati di un impianto di videosorveglianza soltanto qui in comune, ma si tratta di un impianto vecchio. Aspettiamo quindi di poterlo rinnovare e di incrementare il numero di installazioni, il cui posizionamento verr? deciso prossimamente con l’aiuto del parere di tecnici. Poi, sempre come Unione, abbiamo avviato un progetto di pattugliamento periodico dei tre agenti di Polizia Municipale dei tre rispettivi comuni, con l’aiuto dei Carabinieri di Casei Gerola. Questo potrebbe essere da deterrente”.

Quali sono le iniziative che ritiene più urgente attuare per il suo comune?

“In programma abbiamo il potenziamento dell’illuminazione pubblica nella via Circonvallazione che è parzialmente scoperta. Poi rifaremo tutta la segnaletica stradale, sia delle strade comunali, sia delle due strade provinciali. Inoltre, se le risorse ce lo permetteranno, abbiamo in mente la messa in sicurezza dei marciapiedi, con l’installazione di paletti di ferro che separano il marciapiede dalla strada, che è molto trafficata”.

Articolo precedenteMENCONICO – “MANCA UN’ORGANIZZAZIONE CHE PROMUOVA LE ATTIVITÀ DI MONTAGNA”
Articolo successivoORGANIZZA UNA CACCIA AL TESORO PER CHIEDERE ALLA FIDANZATA DI SPOSARLO