TERRE D’OLTREPÒ – “CARO PRESIDENTE PREFERISCO ESSERE COERENTE E NON MANDARTELE A DIRE” Lettera al Direttore

386

“Caro Presidente ; Dato che Tu , ormai di consuetudine, invadi le nostre caselle e-mail con proclami a dir poco deludenti, mi vedo costretto , quale destinatario di queste tue farneticazioni, a risponderti, punto per punto , anche se avevo deciso di evitare , ma, visto che, preferisco essere coerente, e non mandartele a dire, ho deciso di dirti cosa penso. E lo faccio a modo mio, cosi non puoi certo dire che ti parlo alle spalle, ma lo faccio, come sempre, di fronte (io non mi nascondo). Lungi da me’ prendere le difese di giornalisti e giornali, ma mi stupisce che proprio adesso tu li critichi, solo perché sei oggetto di contestazioni, quando invece ne hai ampliamente fatto uso in questi anni per i tuoi proclami e le tue invettive contro tutto e tutti. Per quanto riguarda la convocazione dell’assemblea, la richiesta dei soci, forse poteva raggruppare in un unico punto i punti 1 e 2 , ma il punto 3 era ben chiaro, ma siccome avrebbe messo in difficoltà evidente sia te che il vice, allora vi siete inventati una presunta illegittimità. Siccome non siamo analfabeti come tu pensi, e soprattutto conosciamo le regole ( cosa che invece tu ignori ) , quando vi si chiede di chiarire ai Soci la vostra posizione di indagati ed all’assunzione delle vostre responsabilità, era ben chiaro , se lo si vuol capire ( e non è difficile farlo) che non era pretesa nessuna confessione o ammissione di colpa , siamo pure garantisti fino a prova contraria , ma sapere , in quanto indagati , come vi sareste comportati in merito alle cariche che state ricoprendo ( e cioè se per auto tutela o per tutela dell’azienda era vostra intenzione auto sospendervi o altro) . Aggiungo….. se vi erano dubbi interpretativi, dato che hai sbandierato ( e mai atteso ) una grande trasparenza , bastava chiedere chiarimenti, ma questa è utopia. Parole tue : “ la richiesta di integrazione è illegittima difettando dei minimi presupposti richiesti dalla legge “ , quale legge per favore ? la tua o quella in vigore in Italia ? dato che io non sono un giurista, mi piacerebbe sapere dove sta questa illegittimità ed in base a quali articoli del codice. Se per caso alludevi al sottoscritto in merito a quelli che cercano una visibilità sui giornali, vorrei ricordarti, che a me la visibilità la danno da tempo, non la richiedo (e fin ora mai in negativo), a differenza tua che l’hai cercata quando ti faceva comodo , e comunque , vorrei anche ricordarti, che il termine dissidenti non appare come firma in nessuna richiesta presentata in cantina, nessuno si è autoproclamato come tale, siamo solo soci che esercitano il proprio diritto , quello di sapere, che tu abilmente cerchi di evitare il più possibile , e comunque ti ricordo altresì che proprio tu sei stato il primo dissidente inviando una mail a tutti i soci con lo pseudonimo di IL RIBELLE (anni 2014 o 2015) e ne hai fatto anche parte di questo gruppo autoproclamato, che ti ha eletto anche a Presidente, perciò non sputare su chi ti ha permesso di arrivare ai vertici della cantina. Ultima cosa , per quanto riguarda assemblea in presenza o no , non mi voglio dilungare, ho già detto ampiamente nella precedente lettera, ti devo deludere, le norme noi le conosciamo meglio di te, e le rispettiamo, anche se tu sei convinto del contrario, e questo lo vedremo in futuro , ma ormai non è più opinione personale solo mia , tutti e dico tutti , sono convinti che una simile assemblea non mette in condizione i Soci di partecipare, e questo è il tuo obiettivo, svicolare. Bastava motivare e aspettare la possibilità di farla in presenza, bastava dialogare e chiedere, si sarebbe ottenuto un compromesso, cosa da te non voluta. Ricordati che chi alimenta incertezza e confusione, non sono i Soci , ma tu e il tuo gruppo di accoliti, che fino ad ora non avete ancora dato una stabilità all’azienda, viaggiate a vista , nella nebbia dei vostri occhi, non serve elencare il palmares di insuccessi che state raccogliendo, di cui purtroppo noi paghiamo le conseguenze. Ci rivedremo a Filippi caro Presidente. Un dissidente orgoglioso di esserlo. Emilio Bosini -Broni”

INVIATE LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : DIRETTORE@ILPERIODICONEWS.IT 

Articolo precedenteMONTEBELLO DELLA BATTAGLIA – GIORNATE FAI DI PRIMAVERA
Articolo successivoCODEVILLA – OLTREPO’ TENNIS ACADEMY PRESENTA IL “METODO OTA” E LA SAT ESTIVA