UN GIRO DI VITE E DI VITA: OLTREPÒ IN GIRO, 7 DEGUSTAZIONI E 8 COMUNI

112

Il Giro d’Italia 2021 fa tappa in Oltrepò Pavese. 18ma frazione programmata il giorno 27 maggio. Stradella è il comune di … atterraggio ma il decollo di questa tappa sarà Rovereto e il finale coinvolge 38 km (vitati) di  un Oltrepò Divino. Non è la wine stage del 2021 per la Corsa Rosa che scatta a Torino e arriva a Milano, ma è ugualmente una tappa top che dà spettacolo non solo agonistico ma anche per il paesaggio e la ricchezza che ci sta dentro. Vino compreso! Il Giro arriva a Stradella e trova un partner importante come il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese che ha deciso di supportare questa occasione di visibilità e di promozione non solo del vino ma di tutto un Territorio che fa squadra per candidarsi non solo questo mese di maggio ma per sempre come meta di eno turismo e di cultura di eccellenze enogastronomiche. Su questa scia, proseguendo un disegno iniziato proprio al Giro (con la Carovana Pubblicitaria del 2019), il Consorzio Tutela diventa promotore di una vetrina di grande valore, mediatico e culturale oltre che turistico, cavalcando un trend iniziato proprio l’estate scorsa con una serie di attività promozionali declinate soprattutto attraverso l’eno-bike-tourism sotto il titolo di Oltrepò in Giro. Il progetto di rilancio dell’Oltrepò Pavese, del territorio e dei suoi vini passa anche da grandi iniziative come questa. – ha dichiarato Fabio Rolfi, assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi – Nel marketing territoriale, come nel ciclismo, le grandi individualità fanno la differenza, ma solo quando si fa squadra si vince: è questo il messaggio che deve passare e che deve guidare tutti i rappresentanti dell’Oltrepò anche nelle sfide future. Passano gli anni, ma il fascino del Giro d’Italia non sbiadisce. Avere l’onore di ospitarlo deve essere uno stimolo anche per migliorare i servizi in chiave futura. Per l’Oltrepò del vino e della sua gastronomia è un’occasione unica per presentarsi in tutte le sue eccellenze enogastronomiche ad un pubblico molto vasto e non per forza già informato, poiché l’Oltrepò Divino si è aperto solo di recente ad un turismo di prossimità ed esperenziale in una terra solitamente percorsa senza sosta, come una terra di passaggio. Quest’anno, un traguardo di tappa, con arrivo a Stradella (giovedì 27 maggio) vede lo stesso territorio ancora più protagonista con una partecipazione diretta e “in loco”, che si realizza in partnership con il Consorzio Tutela Vini OP anche attraverso una serie di degustazioni, che coinvolgono gli 8 comuni attraversati dal finale della corsa. I 8 Comuni interessati dai 7 appuntamenti enogastronomici, più Stradella sede d’arrivo, saranno animati da degustazioni (masterclass) nelle giornate di: giovedì 20 maggio, a Zenevredo; venerdì 21 maggio, a Montù Beccaria; sabato 22 maggio, a Broni; domenica 23 maggio, a Cigognola, lunedì 24 maggio a Canneto Pavese; martedì 25 maggio, a Castana e mercoledì 26 maggio, a Montescano.

NOTA – QUESTO COMUNICATO È STATO PUBBLICATO COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ”

Articolo precedenteVOGHERA – CASAPOUND: “APRIRE SENZA CONDIZIONI”
Articolo successivoOLTREPÒ PAVESE – DAI RISTORANTI ALLE PALESTRE ECCO COSA SI PUÒ FARE DAL 26