VOGHERA – ANGELO MICHELON SE NE È ANDATO IN PUNTA DI PIEDI

173

Una vita dedicata ai Vigili del Fuoco e alla famiglia. Ad una settimana di distanza dalla sua scomparsa per covid è sempre vivo il ricordo di Angelo Michelon: a Voghera e in Oltrepò ha lasciato infatti un grande ricordo in tutti, facendo tanto bene a molte persone, in silenzio. E se ne è andato in punta di piedi, come del resto ha sempre vissuto. Dietro a quell’omone di poche parole c’era un grande cuore (bianconero) e un onesto lavoratore: militare nei Vigili del Fuoco in raffineria a Sannazzaro, Angelo Michelon, 82 anni, ha lasciato l’incarico per inseguire il suo sogno, diventando nel 1962 parte del Corpo presso il Comando VVF di Voghera. Lì ha fatto una lunga gavetta, diventando prima caposquadra e poi, nel 1985, vice-caporeparto. Quel lavoro gli ha fatto vivere anche tanti momenti drammatici, come l’intervento in Irpinia, per il terremoto, nel 1980, poi lo scoppio del casello di Lungavilla, l’incendio alla fine degli anni 60 alla Metano Montebello, un altro incendio presso il deposito carburante dell’esercito a Godiasco. E ancora tanti interventi di routine che Angelo portava a termine sempre con tanta professionalità e dedizione.  Adorava il suo lavoro ma aveva anche una grande passione per la boxe: faceva infatti parte di Voghera azzurra. E con tanti sacrifici con la moglie Giuseppina ha dato vita alla ditta antincendio Focostop tuttora attiva.

NOTA – QUESTO COMUNICATO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ”

Articolo precedenteVOGHERA – DAL 16 APRILE AL VIA LE DOMANDE PER CONTRIBUTO ALLE FAMIGLIE CHE STANNO AVENDO DIFFICOLTÀ ECONOMICHE.
Articolo successivoOLTREPÒ PAVESE – SI COMPRANO PIÙ RUSTICI E CASOLARI DI CAMPAGNA MA I PREZZI SONO STABILI