Voghera – Bando del comune per finanziamenti a fondo perduto per imprese della ristorazione, del commercio, dell’artigianato e dei servizi

156
Il Comune di Voghera sostiene le micro, piccole e medie imprese, emanando un bando pubblico per la concessione di finanziamenti a fondo perduto per spese di investimento. Il bando sarà rivolto a tutte quelle realtà che operano in ambiti come quelli della ristorazione, del commercio, dell'artigianato e dei servizi, che quest'anno, a causa della pandemia,  hanno avuto particolare difficoltà. 
Le domande dovranno essere presentate a partire dal mese di luglio e dovranno essere recapitate al comune di Voghera tramite pec entro  il 16 agosto. 
L'assessore Miracca spiega :" Sostenere le imprese che hanno subito difficoltà a causa dell'emergenza sanitaria è per noi un punto sempre all'ordine del giorno. Verranno stanziate risorse per permettere alle attività di realizzare investimenti per il proprio punto vendita e la propria sede.Il bando offre l'opportunità di partecipazione anche a chi ha realizzato spese a partire dal 5  maggio scorso fino al 30 settembre, andando  incontro anche alle attività che hanno già effettuato gli  investimenti. Gli uffici sono a disposizione per le informazioni e li ringrazio  per il lavoro che stanno svolgendo."
Il contributo verrà erogato con una procedura automatica  fino ad esaurimento della dotazione finanziaria,  previa verifica degli essenziali requisiti di ammissibilità. 
Saranno ritenute ammissibili le spese sostenute nei seguenti ambiti: Spese in conto capitale: - Opere edili private (ristrutturazione, ammodernamento dei locali, lavori su facciate ed esterni ecc,installazione o ammodernamento di impianti - Arredi e strutture temporanee - Macchinari, attrezzature ed apparecchi, comprese le spese di installazione strettamente collegate - Veicoli da destinare alla consegna a domicilio o all’erogazione di servizi comuni - Realizzazione, acquisto o acquisizione tramite licenza pluriennale di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web ecc - Spese per studi ed analisi (indagini di mercato, consulenze strategiche, analisi statistiche, attività di monitoraggio ecc.) Spese di parte corrente: - Materiali per la protezione dei lavoratori e dei consumatori e per la pulizia e sanificazione dei locali e delle merci - Canoni annuali per l’utilizzo di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web ecc - Spese per l’acquisizione di servizi di vendita online e consegna a domicilio - Servizi per la pulizia e la sanificazione dei locali e delle merci - Spese per eventi e animazione - Spese di promozione, comunicazione e informazione ad imprese e consumatori (materiali cartacei, pubblicazioni e annunci sui mezzi di informazione, comunicazione sui social networks ecc.) - Formazione in tema di sicurezza e protezione di lavoratori e consumatori, comunicazione e marketing, tecnologie digitali - Affitto dei locali per l’esercizio dell’attività di impresa - le spese al netto di IVA e di altre imposte e tasse, ad eccezione dei casi in cui l’IVA sia realmente e definitivamente sostenuta dal beneficiario e non sia in alcun modo recuperabile dallo stesso, tenendo conto della disciplina fiscale cui il beneficiario è assoggettato 
Per partecipare al bando sarà indispensabile realizzare almeno le spese indicate come "spese in conto capitale".
 NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ. 

Articolo precedenteOltrepò Pavese – Il tour sulla “Green Way” che collega Salice Terme a Varzi, con soste di pregio.
Articolo successivoVoghera Digital ha ricevuto il premio “Best Digital Event Awards 2021”