Voghera – Carmelo Pagnotta: “L’introduzione dei bidoni elettronici per il conferimento dei rifiuti solidi urbani non sempre può risultare una scelta vincente”

1787

“L’introduzione dei bidoni elettronici per il conferimento dei rifiuti solidi urbani non sempre può risultare una scelta vincente e/o giusta – scrive in una nota stampa l’ex candidato sindaco al comune di Voghera Carmelo Pagnotta –  È evidente, infatti, come anche i non residenti e dunque, anche chi non è in possesso di una scheda magnetica per aprire i bidoni elettronici produca rifiuti. Pensiamo per un attimo ai senza tetto o a quanti, non avendo fissa dimora, vivono in città o nelle periferie della stessa, insomma, parliamo di persone che sono sprovviste di schede per l’apertura dei bidoni ma, al tempo stesso, producono spazzatura che va obbligatoriamente smaltita, esigenza questa, che si acuisce nei periodi estivi dove i rifiuti, per via delle alte temperature, diventano ancor più maleodoranti producendo al contempo un enorme quantitativo di virus, batteri, microbi ed insetti.  Nonostante i continui sforzi e il costante controllo della Polizia Municipale nonché il lavoro proficuo degli operatori dell’ASM, non è raro trovare sacchetti e rifiuti un po’ dappertutto, ma non nei cassonetti adibiti alla raccolta. Voghera deve essere una città pulita e decorosa, perché una città con queste caratteristiche è sicuramente una città più bella.  Ad oggi, differenziare i rifiuti più che  una scelta, è l’unica strada perseguibile per un mondo più pulito e più ecosostenibile; pertanto, a mio avviso, senza pensare a scelte innovative che spesso sono irrealizzabili, basterebbe rafforzare le già esistenti isole ecologiche composte dai vari cassonetti per l’umido, per la plastica, per il vetro, per la carta e per l’indifferenziata che consentirebbero a tutti di conferire i rifiuti, senza limiti e restrizioni.”

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ”

Articolo precedenteOltrepò Pavese – Quel che resta delle Terme di Salice all’asta il 13 Luglio: Offerta minima Euro 1.574.121,09 si era partiti nel 2019 da 4.975.000,00 euro
Articolo successivoOltrepò Pavese – Rally 4 Regioni: quella prima edizione di mezzo secolo fa…