Voghera Film Festival, giunto alla sua 9° edizione, torna in presenza

123

Dopo un anno difficile per il mondo dello spettacolo, questa nuova edizione segna una ripartenza importante: dopo un’edizione tutta digitale, il Voghera Film Festival, giunto alla sua 9 a edizione, torna in presenza! Il Festival si svolgerà in un’unica giornata, sabato 9 ottobre, presso il Teatro dei Padri Barnabiti di Voghera, location dove si era tenuta anche l’edizione 2019, l’ultima svolta in presenza. Il 9 ottobre sarà una giornata ricca di appuntamenti, dal pomeriggio fino a notte. Si parte alle ore 16:00 con la proiezione dei 8 cortometraggi internazionali in gara, selezionati tra i tantissimi che ci sono arrivati come ogni anno da ogni paese del mondo.
Dopo la proiezione, ci sarà la premiazione dei cortometraggi e delle sceneggiature originali, una nuova sezione competitiva inaugurata nel 2020. Tra le 5 sceneggiature finaliste verrà premiata la migliore. Dopo una breve pausa, si riprende alle ore 21:15 con un appuntamento speciale fuori concorso: la proiezione del documentario Flash – La storia di Giovanni Parisi. Si tratta di
un documentario sulla storia del noto pugile vogherese ed è diretto dal regista Marco Rosson e prodotto da Federico Riccardo Rossi, entrambi saranno presenti durante l’evento. Il documentario è realizzato in collaborazione con A.I.C.S. e con il patrocinio del
comune di Voghera assessorato allo sport e tempo libero. La sera è dedicata alla Notte horror. Si comincia alle ore 23:00 con la proiezione dei 5 corti horror selezionati. Dopo la visione di tutti i corti, ci sarà la premiazione con cui verrà scelto il miglior cortometraggio per la sezione horror. In concorso è presente anche un’opera pavese, “Una scuola da urlo” scritto e diretto da Dario Molinari, realizzato in collaborazione con i ragazzi della scuola Volta di Pavia. Dopo la premiazione, chiudiamo il Festival con un appuntamento fuori concorso: la proiezione in anteprima assoluta del cortometraggio Confini, esordio alla regia del videomaker
vogherese Giulio Oldrati. Il progetto è stato realizzato attraverso una campagna di crowdfunding e durante il Festival sarà presente il regista per introdurre il film. L’ingresso al Teatro dei Padri Barnabiti è libero e ricordiamo che per accedere all’evento è
obbligatorio il green pass. È inoltre consigliato prenotare il proprio posto, per consentire allo staff una migliore organizzazione dell’evento. Per le prenotazioni, mandare una mail a vogherafilmfestival@gmail.com Il Voghera Film Festival, ha l’obiettivo di creare un punto di riferimento culturale e creativo per la città e l’Oltrepò. A rendere possibile questa manifestazione ci pensa un team di
appassionati di arte e cinema che ogni anno si arricchisce di nuovi giovani collaboratori dediti a selezionare cortometraggi da tutto il mondo e organizzare il festival in tutti i suoi aspetti. Insieme alla direttrice artistica Giulia Bona, lavorano al progetto Marco Rosson, Carlo Stagnoli, Eleonorita Acquaviva e i giovani collaboratori Sara Traversa, Mara Vignola, Rebecca Ferrari, Luca Albera portando avanti lo scopo di diffondere la cultura nel nostro territorio.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteDopo Codevilla e Torrazza Coste, ecco Casei Gerola e Pizzale: i rifiuti saranno raccolti “Porta a Porta”
Articolo successivoOltrepò Pavese – Sei Giorni Internazionale Enduro: È stata una bella avventura… 3 domande ai 3 fratelli Buscone