Voghera – «Il loro obiettivo è solo quello di trovare la rissa. Vanno fermati!» Lettera al Direttore

437

“Alla cortese attenzione del Direttore, scrivo la presente lettera nella viva speranza che la legga chi di dovere, poiché sono certo che passerà poco tempo da oggi e non facendo nulla rischieremo di piangere qualcuno. Ormai è tempo che a Voghera esiste un gruppo di ragazzi, sono circa 8/10 in un’età compresa tra i 16 ed i 18 anni, ben strutturati fisicamente e certamente con l’attitudine di “fare andare le mani”. Questo gruppetto ormai è conosciutissimo dai giovani e giovanissimi della movida vogherese ma anche di quella salicese e mi diventa impossibile pensare che chi dovrebbe, non sa, in quanto più di una volta si è dovuti intervenire per placare gli animi in risse dagli stessi provocate. Il problema è che questi ragazzi vengono considerati adolescenti incappati in una zuffa e di conseguenza sottovalutati. E se ancora oggi sono in giro con la stessa testa alta, è certamente perché non gli è ancora chiaro il messaggio che devono smetterla. Sono veri e propri provocatori: il loro obiettivo è solo quello di trovare la rissa e la loro forza è che sono in branco! Ho quasi 60 anni e non mi è difficile capire e pensare che prima o poi troveranno pane per i loro denti, al che mi chiedo “come andrà a finire?” Vanno fermati prima che sia troppo tardi!  Capisco che il confine è molto labile e non si può condannare nessuno se non a fatto compiuto, ma altresì si potrebbe “bussare alle porte” dei genitori che magari non sanno, spiegando loro la situazione, al fine di sgranare il gruppo che ripeto avere in essere elementi minorenni. Franco Sala – Voghera”

*Foto di repertorio

INVIATE LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : DIRETTORE@ILPERIODICONEWS.IT 

Articolo precedenteOltrepò Pavese – Sei Giorni Enduro: 70mila euro per i sentieri della Comunità Montana
Articolo successivoOltrepò Pavese – «I miei compagni mi dissero: “vai tu, noi aspettiamo il prossimo treno”… e invece guardate che fine hanno fatto»