VOGHERA IN AZIONE: “LO STATO CONFUSIONALE DI QUESTA AMMINISTRAZIONE È TOTALE”

130

“Venerdì scorso si è tenuto un importante incontro presso il Comune di Pavia – scrive  in una nota stampa Silvia Simeone, referente di Voghera in Azione –   relativo ad un protocollo teso a contrastare i delitti in materia di violenza di genere e domestica. All’iniziativa, promossa dal Procuratore della Repubblica di Pavia, Dott. Mario Venditti e dall’assessore alla Polizia Locale del Comune di Pavia Pietro Trivi, hanno partecipato i Comuni di Pavia, Vigevano, Stradella e Broni. Balza subito all’occhio l’assenza del Comune di Voghera che, a quanto pare, ha ricevuto formale invito di adesione. Credo che sia un diritto dei Cittadini conoscere i motivi di questa grave assenza, nella firma di un protocollo di intesa che tratta un argomento così importante come la violenza di genere e familiare. È bene che chi di dovere, Sindaco o Assessore competente, spieghi come mai la nostra Città non era rappresentata in questo incontro e non ha sottoscritto questo importante documento, che tutela centinaia di famiglie e di persone. È stata a mio avviso un’assenza gravissima, non solo sotto il profilo politico. È stata anche una grave mancanza di rispetto verso i vogheresi. All’Assessore Adriatici, che giustifica l’assenza della nostra città per carenza di personale, rispondiamo così: Se possibile, la giustificazione è ancora peggio della motivazione. L’assessore Adriatici sostiene che la colpa è di chi lo ha preceduto, ma chi lo ha preceduto è il segretario di Forza Italia, ex Assessore alla Polizia Locale, Giuseppe Carbone (ora suo collega di maggioranza). Lo stato confusionale di questa amministrazione è totale ed i risultati sono queste brutte figure istituzionali che Voghera non ha mai fatto nella sua storia.”

NOTA – QUESTO COMUNICATO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ”

Articolo precedenteVOGHERA – COMPUTER RUBATI IN UNA SCUOLA, PARTE UNA RACCOLTA FONDI ONLINE PER RIACQUISTARLI
Articolo successivoSTRADELLA – TORNANO GLI SPAZZINI A PIEDI PER UNA CITTÀ PIÙ PULITA