Voghera – Inaugurati i lavori di costruzione della Chiesa Ortodossa Romena

93

Oggi in via Oropa a Voghera si tenuta la cerimonia della posa della prima pietra che inaugura i lavori di costruzione della futura
Chiesa Ortodossa Romena, su un terreno acquistato dal Duomo di Voghera. “Un momento importante per la città tutta che le Istituzioni di Voghera hanno fortemente voluto – le parole del Sindaco di Voghera Paola Garlaschelli –, in un percorso di dialogo e condivisione che procede nel migliore dei modi con una Comunità che è parte attiva e integrante della città. La Chiesa Ortodossa è la più numerosa in Italia e a Voghera è punto di riferimento anche per cittadini praticanti Greci, Moldavi, Ucraini. Sono orgogliosa di rappresentare le Istituzioni cittadine nel momento in cui concretamente prende il via un progetto che racconta una città fatta
di tante anime, fedi, sensibilità, ma sempre unita nel profondo senso di Comunità”. “La posa della prima pietra della futura chiesa ortodossa romena rappresenta un momento di gratificazione per tutta la comunità – anticipa Padre Catalin Stergarel (Diocesi Ortodossa d’Italia, Parrocchia ortodossa romena San Eutimio il Grande di Voghera) – Questo progetto è anche l’esito di buoni rapporti intercorsi negli ultimi anni con la Curia cattolica e la autorità locali. Sin dall’istituzione della parrocchia, 11 anni fa, si sono individuate soluzioni adeguate per l’ottenimento di un luogo di culto dove celebrare le nostre funzioni. Tutti gli sforzi deposti hanno condotto verso la realizzazione di questo ambito progetto, che prevede un centro culturale nonché anche un oratorio. Poiché i cittadini romeni risultano essere ben integrati nella società vogherese, auspichiamo che questo progetto dia un tocco di multiculturalità”.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteVal di Nizza – Il turismo itinerante passa anche dal poligono di tiro
Articolo successivoCasei Gerola – Attivate le colonnine elettriche a disposizione dei cittadini