VOGHERA – NO BIODIGESTORE A CAMPOFERRO : “SAPPIAMO BENE CHE IN CONFERENZA DEI SERVIZI SONO NECESSARIE OBIEZIONI TECNICHE”

536

Il Comitato tutela città di Voghera – No biodigestore a Campoferro, in merito all’impegno “No biodigestore”, firmato da tutti i candidati sindaci a Voghera  in una nota scrive: “È necessario un cambio di rotta chiaro a Voghera smettendola di tutelare, agevolare interessi di singoli e privati a discapito della comunità, per noi, i nostri figli e le generazioni future. La voce ai cittadini. Finalmente la politica unita ha ascoltato in modo diretto le parole delle persone. Ringraziamo ancora tutti i presenti per la disponibilità. Reputo più unico che raro nel mezzo di una campagna elettorale, tra l’altro energica come quella che stiamo vivendo, l’appuntamento di oggi e come cittadini sinceramente fa molto piacere, quindi ringrazio innanzitutto tutti i presenti, non solo nelle vesti di canditati sindaci ma soprattutto come persone ed abitanti di Voghera come noi, per aver aderito all’iniziativa di Antonio Marfi , seppur diciamo simbolica , non bloccherà di certo l’iter di autorizzazione, sappiamo bene che in conferenza dei servizi sono necessarie obiezioni tecniche; però almeno denota e sottolinea un impegno chiaro dell’intera politica locale (diciamo attuale ma soprattutto futura) contro questo progetto. Nella speranza ovviamente che appunto l’amministrazione futura (qualunque essa sia) eviti in tutti i modi possibili (lo ripeto avvalendosi di pareri tecnici di esperti e portandoli nelle relazioni in CDS o nelle eventuali successive opportune sedi) l’insediamento di questo impianto estremamente negativo per la zona e per tutti noi. Ripeto anche che non si tratta di opporsi ad una tecnologia ormai affermata e reputata sicura bensì alle criticità emerse di QUESTO progetto che sono davvero troppe e che ora non mi dilungo nello specificare. Mi limito a sottolineare che i 3 rinvii della CDS e la mole di integrazioni richieste dalla provincia sono un chiaro segno di quanto siano impreparati i proponenti e di quanto sia acerbo ed inadeguato il progetto presentato soggetto ad innumerevoli modifiche in corso di autorizzazione, nonché l’enorme preoccupazione che dovremmo avere per la conseguente gestione e controllo di tale impianto se verrà realizzato. Anche il comune stesso potrà dover sostenere spese enormi di bonifica in un futuro neanche troppo lontano; ne abbiamo un esempio sebbene differente a Medassino con Recology e con le criticità dell’impianto biogas già esistente a Voghera. Concludo dicendo che chiunque abbia idee, proposte, voglia di organizzare ed informare è il benvenuto, Come comitato nascente in difesa dei cittadini e del territorio Vogherse, ne abbiamo davvero bisogno.”

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS E LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL’OLTREPÒ A “IL PERIODICO NEWS” , ALL’INDIRIZZO MAIL : COMUNICATI@ILPERIODICONEWS.IT 

Articolo precedenteVOGHERA – IL MINISTRO DELLA DIFESA ED IL VICEMINISTRO DELL’INTERNO PER APPOGGIARE LA CANDIDATURA DI NICOLA AFFRONTI
Articolo successivoVOGHERA – VARZI – “SCENATE D’AMORE”